4 Novembre a Catanzaro. I festeggiamenti in piazza Matteotti nel segno della ritrovata libertà 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 4 Novembre a Catanzaro. I festeggiamenti  in piazza Matteotti nel segno della ritrovata libertà 

Il prefetto: "Il Greenpass è importante perché ci consente di essere liberi senza minare le libertà altrui"

  04 novembre 2021 14:32

di CARMEN MIRARCHI

Oggi 4 novembre è la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate. Anche a Catanzaro i festeggiamenti in piazza Matteotti con le celebrazioni di rito e le letture dei messaggi tra i quali quelli del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini.

Banner

Banner

La cerimonia si è svolta davanti al monumento ai Caduti, in piazza Matteotti, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari della città. Emozione durante il rituale solenne dell’alzabandiera e la deposizione della corona di alloro da parte del prefetto di Catanzaro Maria Teresa Cucinotta e del comandante della Legione Carabinieri Calabria generale di brigata Pietro Francesco Salsano.

Banner

"Oggi un momento importante durante il quale le forze armate sono all'attenzione di tutti. Una giornata che noi vogliamo celebrare nel modo più opportuno " ha detto Pietro Salsano, Comandante Legione carabinieri.

Il Prefetto di Catanzaro ha sottolineato il valore simbolico del 4 novembre : "Ricordiamo i caduti delle guerre e non solo,  ricordiamo coloro che tutelano la democrazia. Si ricordano i valori della Costituzione e quest'anno la consegna della bandiera all'Istituto Galluppi di Catanzaro.  Le nuove generazioni devono conoscere i valori". Poi, ha ribadito  il valore della propria libertà  nei limiti del rispetto di quella degli altri. "Il Greenpass è importante perché ci consente di essere liberi senza minare le libertà altrui. Nessuna affermazione di libertà può basarsi su gesti di violenza.  Siamo attenti e pianifichiamo le misure anche in fase di manifestazione pe garantire la libertà.  Il rispetto delle regole è però alla base di tutto " ha concluso il Prefetto di Catanzaro . Il 4 novembre è festa anche se si lavora: in realtà infatti è un ex festivo in cui l'Italia ricorda l'Armistizio di Villa Giusti - entrato in vigore il 4 novembre 1918 - che consentì agli italiani di rientrare nei territori di Trento e Trieste, e portare a compimento il processo di unificazione nazionale iniziato in epoca risorgimentale. In questo stesso giorno terminava la Prima guerra mondiale.

Per l’occasione, sono aperte al pubblico, e allestite con mostre statiche e stands espositivi, la caserma Pepe-Bettoja dell’Esercito, in via Pascali, la sede del Comando Legione Carabinieri Calabria , in via Mirafioti, la caserma dei Carabinieri di Lamezia Terme, il Comando Compagna dei Carabinieri di Sellia Marina e il Comando Compagnia dei Carabinieri di Soverato.

Adornate a festa anche alcune vetrine dei negozi di Corso Mazzini a Catanzaro, con materiale delle forze armate e dei corpi armati e non, militari e civili dello Stato. In particolare, il negozio Arcade ospiterà i cimeli dell’Arma dei carabinieri, il negozio Bertucci quelli dell’Esercito italiano, il negozio della Thun ospiterà il materiale espositivo dei Vigili del Fuoco, Teti Abbigliamento accoglierà i cimeli della Guardia di Finanza, mentre il teatro comunale di Catanzaro sarà allestito dalla Questura di Catanzaro. Infine, nel museo storico militare Brigata Catanzaro, cui sarà consentito l’accesso gratuito, verrà allestita una mostra statica con i veicoli in dotazione alle forze armate ed ai corpi armati e non, militari e civili dello Stato, mentre sarà aperto al pubblico anche il museo storico della polizia locale di Catanzaro.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner