8 marzo, il Pd catanzarese: "Che oggi sia per tutti un momento di riflessione"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 8 marzo, il Pd catanzarese: "Che oggi sia per tutti un momento di riflessione"

  08 marzo 2024 10:15

"Il percorso finora fatto dalle donne, dopo tante lotte, non ha ancora portato al loro pieno riconoscimento sociale, anzi, troppe volte, si tende a indietreggiare su conquiste fatte. Troppe le disparità nel mondo del lavoro, troppe le violenze subite dalle donne".

È il preambolo con il quale si apre la nota stampa dell'area dem catanzarese coordinata da Rossana Neri e Antonio Prunestì. 

Banner

"La stima che emerge dal Global Gender Gap Report del 2022 e che in Europa ci vorranno dai 100 ai 132 anni per colmare il divario di genere, e si sottolinea che tale divario è anche aumentato rispetto al report del 2020.

Banner

L’Italia è nella classifica stilata dal World Economic Forum al 63° posto su 146 nazioni, mentre Spagna Francia e Germania sono tra i primi 20; se si esamina inoltre la parità di genere in relazione alla partecipazione economica femminile il nostro paese si trova al 110° posto dietro Gambia e Ghana.

Banner

Il lavoro resta il primo diritto di cittadinanza e di emancipazione che bisogna ancora conquistare; la disoccupazione femminile, soprattutto al sud è ancora troppo alta.

I numeri non sono asettici ed è bene sottolinearli per far capire quanto ancora sia necessario lavorare per garantire parità e uguaglianza.

Numeri che destano sempre maggiore preoccupazione anche e soprattutto sulla violenza di genere

Gli episodi di violenza sono una grande problema sociale, per avere una società equa e rispettosa delle differenze, serve prima di tutto un cambiamento culturale; è un fenomeno trasversale alle classi sociali e alle culture e, soprattutto, oltre il 75% delle violenze subite dalle donne, nasce all’interno della famiglia ad opera del marito, convivente, amante, fidanzato o anche padri, fratelli. In Italia, poi, solo il 10% delle donne che subiscono violenza denuncia!

Fondamentali sono l’istruzione e l’indipendenza, anche economica, se si vuole andare nella direzione di una società sempre più giusta.

Temi che saranno affrontati e discussi sul nostro territorio -con i nostri iscritti e simpatizzanti - per promuovere un percorso positivo, con l'intento di portare proposte di supporto alle rappresentanze del lavoro e a tutte le associazioni che si occupano del mondo femminile, cui va, in particolare oggi, il nostro immenso ringraziamento". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner