A Catanzaro il corteo pacifico per quelle "troppe morti improvvise"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images A Catanzaro il corteo pacifico per  quelle "troppe morti improvvise"

  02 marzo 2024 23:39

Catanzaro, piazza Matteotti si stringe in un corteo pacifico per diffondere un messaggio molto serio: il numero delle vittime in continuo aumento a causa degli effetti collaterali dei vaccini.

"Vorrebbero farci credere che il numero sempre in continuo aumento, siamo “cause naturali”, ma ormai è palese che di casuale, in queste tragiche conseguenze non siano per niente causali. In vari paesi l’obbligo del green pass ha portato sconforto negli animi di ci in realtà era reticente nell’iniettare nel proprio corpo un vaccino sperimentato in così poco tempo, eppure non hanno avuto altro modo per sopperire ai divieti imposti in assenza di molteplici dosi di vaccino, senza esso anche i minimi movimenti quotidiani, a partire dal un ritiro di un farmaco in farmacia alla semplice spesa" ha spiegato Bianca Laura Granato

Banner

"Eppure cos’altro poteva fare chi, come la maggior parte della popolazione, non avrebbero potuto sostenere la spesa di un tampone ogni 24h.  Senza entrambi persino la minaccia di perdere il lavoro. Eppure la maggior parte della popolazione ha dovuto cedere a questa forma di ricatto, effettuando ben più di una dose. Ed eccoci che ci troviamo in una situazione drammatica, nella quale lo stato stesso non vuole ammettere che tutto ciò non sia una semplice coincidenza ovvero: il decesso improvviso di soggetti sani e non a rischio alcuno riguardo la salute. Questo prima del vaccino ovviamente". 

Banner

"Tutto questo, come anche il numero delle morti si potrebbe tenere sotto controllo ammettendo la gravità della causa" afferma la senatrice Bianca Laura Granato, attiva in questa causa è che oggi scende in piazza proprio per denunciare tutto ciò.  Afferma inoltre che non si fermerà e che "vedremo altri eventi come questo per cercare di sensibilizzare chi di dovere nel cercare di limitare i morti nel nostro paese".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner