A Cicala il "Borgo amico delle persone con demenza" accoglie i giovani della “Cooperativa Animazione Valdocco”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images A Cicala il "Borgo amico delle persone con demenza" accoglie i giovani della “Cooperativa Animazione Valdocco”

  05 agosto 2019 13:45

Giovani piemontesi alla scoperta, lo scorso fine settimana, del “borgo amico delle persone con demenze” di Cicala, paese della presila catanzarese dove la “Ra.Gi.” di Elena Sodano porta avanti in collaborazione con il Comune un progetto di inclusione a sostegno delle persone con Alzheimer o con altre forme di patologie neurodegenerative. 

La “Ra.Gi.” ha accolto trenta giovani dai quindici ai ventidue anni di età, figlie e figli di operatori della Cooperativa Animazione Valdocco di Torino, attiva in diverse comunità locali su molti fronti del sociale. Una tappa, quella di venerdì scorso a Cicala, inserita in un programma più ampio di viaggi conoscitivi dedicati quest’anno alla Calabria in prima linea su diversi campi di aiuto alla persona, come l’accoglienza dei migranti e la promozione della legalità, spiega la vicepresidente della cooperativa torinese, Lorenza Bernardi.

Banner

A proposito della visita a Cicala, Bernardi parla di “esperienza molto significativa soprattutto per quanto riguarda il contatto che questi giovani hanno avuto con le persone con demenze e con gli operatori della “Ra.Gi.”, ma anche per l’interesse che hanno manifestato per il modello di inclusione di quel paese. I ragazzi - conclude Bernardi - si sono emozionati per questa iniziativa che si è rivelata molto importante”.

Banner

Le ragazze e i ragazzi hanno passeggiato per le vie del borgo in compagnia delle persone ospiti della “Ra.Gi.” che hanno potuto sorridere, scherzare, raccontare a modo loro, in piena autenticità, le loro storie, le loro emozioni, i ricordi condivisi con giovani disposti ad ascoltare. “Questi ragazzi - dichiara la presidente della “Ra.Gi.”, Elena Sodano - sono venuti qui per capire in che modo le persone con demenze possono vivere la loro vita all’insegna di una normale quotidianità e in che modo la demenza possa essere quindi “normalizzata” e umanizzata”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner