Accademia delle Belle Arti. Premiati i vincitori dei contest di “Laboratori aperti”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Accademia delle Belle Arti. Premiati i vincitori dei contest di “Laboratori aperti”

Soddisfazione del direttore dell’Aba, Virgilio Piccari per la riuscita dell’iniziativa, che ha sancito l’inizio del nuovo anno accademico

  02 novembre 2021 21:47

di FRANCESCO IULIANO

Si è chiusa con la proclamazione dei vincitori dei contest di “Laboratori aperti”, la prima fase  della due giorni organizzata dall’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro.

Banner

Un’iniziativa dell’Istituto di alta formazione catanzarese, rivolta agli allievi delle scuole superiori, con l’obiettivo di frenare quei fenomeni di dispersione scolastica che si sono accentuati negli ultimi anni.

Banner

“Progetti, manifestazioni e dibattiti – ha spiegato il direttore dell’Accademia, Virgilio Piccari - con protagonisti i giovani e lo scambio tra giovani. Una modalità tutta nuova scelta dall’Aba per accrescere la passione per l’arte, per la bellezza. Per porre al centro il valore di umanità, poiché solo la conoscenza  potrà condurci verso il futuro”.

Banner

Tre le categorie previste dalla direzione e dai docenti dell’Istituto: “Live illustrazione” e “Card game” riservate agli studenti dell’Accademia e “Youngs for nature” per tutti quelli provenienti dagli istituti superiori della città.

Per la categoria “Live illustrazione”, la scelta della giuria è andata per gli allievi Scrivano (1° classificato), De Rose (2°) e Curiale e Cosentino (3°). Categoria “Card game”: Salvatore Broccardo premiato dalla giuria tecnica e Chenza Trombetta premiata dalla giuria popolare. Categoria “Youngs for nature”: per la giuria popolare Alessia Vescio (1^ classificata), Leon Luigi Muraca (2°), Montesano Gabriele e Cerullo Francesco (3°). Per la giuria tecnica, Leon Luigi Muraca.

“Finalmente, dopo un anno e mezzo – ha aggiunto il direttore Piccari -, l’Accademia riapre i battenti alla didattica in presenza. Lo abbiamo fatto anche per dare un segnale forte alla città ed ai nostri allievi, di organizzare,  in occasione dell'inizio dell'anno accademico, un meccanismo che abbiamo definito “Laboratori aperti”. Laboratori che afferiscono alla nostra offerta formativa. Abbiamo invitato tutte le scuole di ogni ordine e grado di tutta la provincia per dare la possibilità ai ragazzi di visitare i nostri laboratori. I ragazzi verificheranno  concretamente l'idea di formarsi anche in accademia. Un buon auspicio per il futuro anche da immatricolati”.

Al centro dei contest: la sostenibilità. “Sappiamo quanto in questa stagione sia  importante immaginare un futuro all'insegna della sostenibilità e della digitalizzazione. La nostra offerta formativa comprende scuole che sono dei capisaldi nazionali, ma che purtroppo sino ad oggi, hanno peccato solo perché non sono stati veicolati con la dovuta e giusta comunicazione. In Accademia abbiamo indirizzi in computer games,  abbiamo rivoluzione dove la tricologia prende  il sopravvento e quindi saremo pronti a sposare quello che il piano internazionale post pandemia, cioè la vera concreta digitalizzazione.  Proprio in tal senso, lanciando questo progetto, abbiamo raccolto diversi interventi realizzati da studenti di diversi licei della provincia che questa sera abbiamo premiato con un piccolo cadou . Un piccolo omaggio per lasciare la memoria concreta del nostro fare che coniuga l'aspetto intellettuale con la produzione vera”.

Più di 300 i ragazzi che da questa mattina, nonostante la giornata fosse quella dedicata alla commemorazione dei defunti, hanno affollato i laboratori della nuova sede di via Tripoli, nell’antico quartiere della Grecìa, nei pressi del Municipio.

Una partecipazione straordinaria ed emozionante. Quello che ho notato è stato uno spirito di squadra, di famiglia, con tutti gli allievi dell'Accademia agghindati con le giuste magliette, con il logo dell'Accademia con questa forte partecipazione. Chissà, evidentemente credo che si stia per verificare  una nuova stagione dove invertendo quello che, purtroppo, una politica che non ci ha mai accolto, quella secondo la quale con l’arte e la cultura non si produce reddito, forse adesso la controtendenza viene spontaneamente, oggettivamente. Credo che alla fine di questa stagione l'uomo abbia tanto bisogno di bellezza, di dialoghi e di incontri”.

Un risultato ottenuto grazie alla sinergia tra il direttore Piccari, il presidente dell’Accademia, Aldo Costa ed i docenti  Simona Caramia e Maria Teresa Renzulli, con il coordinamento organizzativo della consulta studentesca Maria Gilda Perri, Michela Intrieri, Lisa Russo, Anna Giulia Aura, Giusi Elia.

Hanno esposto i loro lavori oltre 50 studenti, i cui lavori sono stati supervisionati dai docenti: Caterina Arcuri, Giancarlo Budace, Giovanni Carpanzano, Franco Cimino, Alessandra Di Pofi, Sonia Golemme, Gabriella Grizzuti, Andrea Grosso Ciponte, Paola Iannarilli, Bruno La Vergata, Amelia Lasaponara, Maurizio Lucchini, Flavia Lecci, Denise Melfi, Cinzia Nania, Giuseppe Negro, Stefano Pullano, Luca Sivelli, Giuseppe Spatola, Lea Urzino.

 

 

 

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner