Aceto (Coldiretti): "Dimezzata dal maltempo produzione di pesche e kiwi. Necessario attivare lo stato di calamità"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Aceto (Coldiretti): "Dimezzata dal maltempo produzione di pesche e kiwi. Necessario attivare lo stato di calamità"
Franco Aceto, presidente della Coldiretti Calabria

Secondo i dati di Coldiretti, è necessario che le imprese prendano atto della situazione di cambiamento e, vista anche l’esiguità degli aiuti pubblici, agiscano in anticipo assicurando le proprie produzioni.

  13 aprile 2021 15:52

“Occorre che la Regione Calabria – chiede Franco Aceto, presidente di Coldiretti Calabriaattivi le procedure per la dichiarazione urgente dello stato di calamità, gli uffici della Coldiretti – aggiunge – hanno iniziato una prima raccolta di dati. Sono ancora troppo poche le superfici assicurate ed è ormai necessario – continua - che le imprese prendano atto della situazione di cambiamento e, vista anche l’esiguità degli aiuti pubblici, agiscano in anticipo assicurando le proprie produzioni"

Una primavera in anticipo con una fioritura anticipata della vegetazione è stata, infatti, terreno fertile per l’ondata di freddo gelido del fine settimana scorso che ha colpito duramente nelle campagne, dove le produzioni in molti territori sono state danneggiate, in particolare pesche e kiwi ma anche fragole e ortaggi. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti Calabria sugli effetti dell’ondata di freddo gelido che ha devastato i raccolti in diverse aree della regione ed in particolare nei comuni interni del Fondo Valle del Crati, della piana di Rosarno - Gioia Tauro e nel lametino. 

Banner

"Ricordo che Coldiretti ha promosso il Consorzio di Difesa (Co.Di.P.A.Cal) -aggiunge Aceto- consorzio di imprenditori agricoli che opera per rispondere alle esigenze delle imprese nel dialogo istituzionale con gli organismi pubblici, su temi relativi al rischio e alla difesa delle colture, che sono sempre più soggette a perdite e danni da gelo, siccità/alluvioni, stipulando polizze collettive calibrate su misura con le maggiori compagnie assicurative a tutela sempre del territorio e del lavoro degli imprenditori locali."

Banner

Per quanto riguarda le serre – riferisce Coldiretti -  è stato aumentato il livello di riscaldamento con costi aggiuntivi per le imprese. Una situazione ancora una volta pesante  per molte imprese agricole che – precisa la Coldiretti –hanno perso  nell’arco di una  giornata il lavoro di un intero anno. Oltre a frutta e verdura a rischio – precisa la Coldiretti – perché sensibili al gelo, ci sono anche la vite e l’ulivo.

Banner

Ancora una volta i repentini cambiamenti climatici con un’alternanza, in questo caso, di caldo fuori stagione e freddo, creano danni nelle campagne con cali della produzione agricola e perdita di reddito per gli agricoltori.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner