Aggressione a Iemmello, il presidente del Foggia Canonico: "Chiedo scusa a tutti i tifosi italiani per quanto accaduto"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Aggressione a Iemmello, il presidente del Foggia Canonico: "Chiedo scusa a tutti i tifosi italiani per quanto accaduto"
Sopra, un momento in cui un tifoso del Foggia invade il campo e prova ad aggredire Pietro iemmello e nel pezzo il presidente dei Satanelli, Nicola Canonico in sala stampa
  12 aprile 2022 17:34

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

“Chiedo scusa al popolo italiano che ha visto un qualcosa di indecoroso nel calcio. Sono molto indignato di quello che è accaduto allo “Zaccheria””. 

Banner

Si presenta così in sala stampa il presidente del Foggia Nicola Canonico al termine del posticipo di campionato di ieri sera tra Foggia e Catanzaro finito 2 a 6, nel corso del quale si sono registrati momenti di forte tensione, culminati nella tentata aggressione fisica all’attaccante dei giallorossi, Pietro Iemmello. 

Banner

“La civiltà è importante – afferma il patron dei rossoneri - e vedere questi gesti di gente che saltava in campo o di persone che lanciavano oggetti è vergognoso. Sono molto indignato di quello che è accaduto. Ci sta di perdere una gara, giocar male ma non ci sta esercitare un qualcosa di assurdo che non fa bene all’immagine del calcio e del Foggia calcio.” 

Banner

E ribadisce con forza: “Sono distante da questi episodi e cercheremo di beccare tutti questi impostori che hanno lanciato oggetti in campo”.

E’ molto chiaro il presidente dei Satanelli che sa bene che i fatti registrati ieri a Foggia hanno davvero dell’incredibile e costeranno cari anche alla società.

In giornata giunge puntuale la nota di solidarietà dell’Associazione italiana calciatori nei confronti di Iemmello e subito dopo quella della Legapro rivolta anche all’Us Catanzaro 1929.

In arrivo una multa salata all’indirizzo del Foggia calcio 1920 e una probabile maxi squalifica del campo di gioco. 

A breve si pronuncerà il Giudice sportivo e intanto la Procura delle Repubblica di Foggia ha aperto un’indagine per fare luce sui fatti accaduti allo “Zaccheria” e sui responsabili.

Tuttavia, non è escluso che finiranno nel mirino degli inquirenti gli steward dello stadio e i responsabili del servizio d’ordine della polizia di Stato.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner