Aggressione a Soverato, associazione Astarte: “Piena solidarietà alla donna vittima di violenza da parte del suo ex datore di lavoro”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Aggressione a Soverato, associazione Astarte: “Piena solidarietà alla donna vittima di violenza da parte del suo ex datore di lavoro”
Maria Grazia Muri
  05 agosto 2022 12:38

"L’associazione Astarte, guidata dalla dottoressa Maria Grazia Muri, esprime la sua piu’ totale solidarieta’ e vicinanza nei confronti di Beauty, la donna che ha subito la dirompente prepotenza fisica e morale di colui che oramai e’ da definirsi il suo ex datore di lavoro.

“Ci ritroviamo dinnanzi ad un episodio di una gravita’ inaudita” sono le parole della dottoressa Muri che ancora una volta "si ritrova a dover tirare le somme su situazioni che evidenziano atteggiamenti arroganti, violenti e prepotenti nei confronti di una donna che rivendica giustizia e diritti non riconosciuti. La video denuncia di Beauty ha scoperchiato una realta’ sommersa ma conosciuta dagli addetti ai lavori, una piaga sociale che affligge da tempo immemore il nostro territorio e che, la vicenda ha saputo portare a galla con tutte le sue tetre e turpe sfaccettature".

Banner

"E' qui che astarte, che da sempre si occupa di violenza nei confronti delle donne, - conclude la nota - entra nel merito della vicenda “siamo pronti ad accogliere beauty nella nostra associazione per poterle dare una mano concreta al fine di progettare un piano personalizzato di accompagnamento e di supporto psico-socio-educativo. La nostra porta e’ sempre aperta e quando beauty lo riterra’ opportuno trovera’ un ambiente familiare e professionale pronto ad accoglierla e supportrla da ogni punto di vista”, cosi’ si esprime il presidente muri in merito la triste vicenda. Si evidenzia inoltre che l’associazione Astarte ha da poco presentato alla regione Calabria un importante progetto che si occupa di mobbing sul posto di lavoro con finalita’ di promozione, legalita’ e sicurezza".

Banner

LEGGI ANCHE QUI: Soverato, chiede di essere pagata ma il titolare la picchia e la insulta

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner