'Al lavoro per Catanzaro': "L'arte per la rigenerazione della città è una sfida che si può vincere"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Al lavoro per Catanzaro': "L'arte per la rigenerazione della città è una sfida che si può vincere"

  20 gennaio 2024 11:56

Gentile redazione,

con cortese richiesta di pubblicazione, di seguito viene riportato un comunicato stampa sottoscritto dal gruppo di lavoro politico "al Lavoro per Catanzaro".
 
 "Da “Unlock” di Mike Crispino, che ci ha regalato la città vista da una prospettiva diversa, fino al primo step appena realizzato del progetto “Scalin’arte” di Massimo Sirelli, partendo ovviamente dalla prima esperienza di Altrove: nella nostra città l’arte pubblica continua a occupare spazi sia materiali che simbolici e ormai da tempo si pone come motore del dibattito comune". 
 
Lo scrive il gruppo di lavoro politico "Al lavoro per Catanzaro".
 
"Per questo, e perché riteniamo che i benefici che derivano da programmi e piani culturali ben precisi possano essere enormi per tutto il territorio, riteniamo che l’amministrazione comunale, con metodo e programmazione, debba sviluppare e sostenere un’azione coerente che intraprenda la strada dell’organizzazione e della promozione del ruolo dell’arte e delle idee artistiche spontanee. Un lavoro di strategia condivisa che fino ad ora e nel corso delle amministrazioni che si sono succedute è mancato".
 
"I principali contributi sull’individuazione di nuovi modelli per lo sviluppo delle città e dei borghi sottolineano l’importanza di un nuovo paradigma dell’arte, individuata come elemento portante per lo sviluppo e la promozione dei territori, e segnano la via per l’applicazione, nel merito, di nuovi modelli di amministrazione nei contesti degli enti locali. 
In sintesi possiamo dire che il rapporto interventi/benefici della rigenerazione urbana attraverso l’arte funziona laddove si crea una virtuosa collaborazione tra chi progetta, chi racconta e chi vive il territorio. Agli amministratori e alla politica spetta il governo della cosa pubblica e la consapevolezza che questi processi possano avere risvolti sociali, culturali ed economici".
 
"Alla luce di tutto questo, come gruppo di lavoro per la città, al fine di non continuare a disperdere risorse e di perseguire una strategia coerente e ambiziosa di sviluppo sociale locale, siamo convinti che sia necessario che l’amministrazione comunale, che deve essere in primis consapevole delle proprie strategie culturali e di marketing territoriale, istituisca un tavolo tematico, regolato da un protocollo di intesa, in cui si formalizzi la collaborazione tra la stessa amministrazione ed i soggetti e le realtà associative che si occupano di espressione artistica e di riqualificazione urbana tramite l’arte. Tutto questo non arrestando i processi naturali di cui si nutrono determinate espressioni artistiche ma senza rinunciare ad una visione fatta di merito e di metodo".
 
"L’amministrazione deve finalmente porsi, nei confronti di tutti gli attori territoriali, anche in questo settore, come riferimento attento alle sensibilità del territorio e come interlocutore credibile, facendo leva su una programmazione seria e abbandonando ogni tentativo di improvvisazione. Siamo convinti che per Catanzaro fomentare ancora di più la disseminazione di attività ed iniziative sempre più ambiziose, facendo leva sui tantissimi profili professionali di cui dispone e non solo, possa voler dire stimolare le persone a riappropriarsi dei propri luoghi incentivandone anche la curiosità come elemento fondamentale per approfondire e ricordare la propria storia, oltreché riuscire a veicolare l’immagine della città aumentandone l’attrattività". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner