Al Teatro del Grillo di Soverato successo per "Le relazioni pericolose"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Al Teatro del Grillo di Soverato successo per "Le relazioni pericolose"
Un momento dello spettacolo
  05 febbraio 2024 10:42

di MARIA PRIMERANO

Un pomeriggio delizioso al Teatro del Grillo di Soverato, bomboniera votata alle arti, sul litorale jonico, dove è andato in scena lo spettacolo "Le relazioni pericolose". Protagonisti Corinne Clery e Francesco Branchetti, accanto a loro, sul palco, anche Isabella Giannone e Claudia Tortora, Elisa Carta e Paolo Sangiorgio.

Banner

Due ore di spettacolo puro, bellissimo, che ruota intorno al contenuto del romanzo epistolare settecentesco, "Le relazioni pericolose", un classico della letteratura francese – libro di Pierre-Ambroise-François Choderlos De Laclos che ha ispirato diversi film - tradotto e adattato per l’occasione da David Conati. Una danza di lettere che vanno e vengono da un castello all’altro della Francia, che toccano talvolta anche Parigi, vergate con charme su carta increspata, consistente e con pennino, inchiostro e calamaio, magnifiche da vedere ma terribili da ascoltare nei contenuti estremamente scellerati e perversi.

Banner

La vicenda, narrata appunto, attraverso le lettere di quattro personaggi- la Marchesa di Merteuil, il Visconte di Valmont,  Madame de Tourvel e Cecile Volanges - è particolarmente affascinante. Calati nel clima della Parigi settecentesca, lo spettatore assiste al dissennato scambio di corrispondenza tra i protagonisti, personaggi di una società aristocratica vuota e votata al potere. Del resto, il titolo dello spettacolo è eloquente – Le relazioni pericolose – e il libro, a suo tempo, suscitò grande scandalo e poi censura.

Banner

Corinne Clery si muove civettuola ed esperta nel gioco della seduzione. È la Marchesa di Merteuil, vedova e apparentemente rispettabile, che ha deciso di usare l’amico, il Visconte di Valmont, per vendicarsi delle offese ricevute dal suo amante, Monsieur De Gercount.  A tal fine il Visconte di Valmont, Francesco Branchetti, risulta un’ottima scelta, in quanto noto libertino che  fa delle sue conquiste un punto di forza. Marchesa e Visconte sono poi avvinghiati da una perversa amicizia nata dalle polveri di una vecchia passione i cui segni sono ancora vivi nella Marchesa.

Il gioco delle passioni prende così inizio con scaltrezza e cinismo, procedendo spedito attraverso le lettere che si intensificano a ritmo serrato. De Gencourt sta infatti per convolare a nozze con una giovane educanda appena uscita di convento, Cecile Valanges, e la Marchesa propone a Valmont di sedurre la ragazza e spingerla a tradire e umiliare il promesso sposo. Ma Valmont all’inizio tentenna in quanto la sua preda è la fredda Presidentessa De Tourvel, donna di alto rango, distaccata e per ora restia alle attenzioni del Visconte.  

Tra intrighi e gelosie, in una scena sostenuta semplicemente dai quattro leggii degli attori, tra abiti settecenteschi, gioco sapiente di luci e musica soave, in un crescendo di intensità, dopo numerose missive, suggerimenti, istigazioni ed effettive azioni, si arriva alla stretta finale. Il gioco si è fatto troppo pericoloso e, in un tragico epilogo,  Danceny, che ha scoperto dalla Marchesa della relazione fra la sua amata Cecile e il Visconte, sfida a duello Valmont per salvare il suo onore e lo uccide“Le temps amène toujours la vérité. C'est dommage qu'il ne l'amène toujours à temps”. “Il tempo porta sempre la verità. Peccato che non la porti sempre in tempo”, scrive Pierre-Ambroise-François Choderlos de Laclos.

Brillano in tutto ciò i protagonisti: una cinica e spietata Corinne Clery nella sua impareggiabile ironia e un Casanova impudente, malvagio e crudele, Francesco Branchetti. Un affresco agghiacciante e attraente di questo Settecento bramoso di potere, che cerca di scampare alla noia, rimasto così com’era, senza né ideali e né valori.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner