Al via domani 17 febbraio a Lamezia la fase istruttoria per la beatificazione di mons Moietta

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Al via domani 17 febbraio a Lamezia la fase istruttoria per la beatificazione di mons Moietta

  16 febbraio 2024 12:39

Domani (17 febbraio), con la Sessione di apertura dell’Inchiesta diocesana sulla vita, le virtù, la fama di santità e di segni del Servo di Dio Mons. Vittorio Moietta si darà ufficialmente il via alla fase istruttoria per la beatificazione di questo Pastore che è stato alla guida della Diocesi di Nicastro (ora Lamezia Terme) dal 1961 al 1963 e le cui spoglie, per sua volontà, sono all’interno della Cattedrale.

La Sessione, convocata nella Sala Giovanni Paolo II (ex Seminario Vescovile) si aprirà alle ore 16.30 con la recita dei Vespri, cui seguirà, alle 17, l’insediamento del Tribunale e sarà trasmessa in diretta sia sul canale youtube della diocesi di Lamezia Terme (https://www.youtube.com/@diocesidilameziaterme7004) che sulla pagina facebook della stessa Diocesi, oltre che sui canali 98 e 112, youtube e pagina facebook dell’emittente televisiva regionale EsseTV.

Banner

Domani, quindi, si avvia la fase istruttoria relativa all’escussione dei testimoni previo i giuramenti “de munere bene adimplendo et de secreto serbando” del Vescovo, Mons. Serafino Parisi, del Postulatore, don Marco Mastroianni, e degli Officiali dell'Inchiesta (il Delegato episcopale, Mons. Tommaso Buccafurni, il Promotore di giustizia, don Gigi Iuliano, ed il Notaio, Sig. Gianfranco Fiorenza), che saranno verbalizzati dal vice cancelliere della Curia, Mons. Adamo Castagnaro.

Banner

La sessione di apertura e quella di chiusura sono le uniche due fasi del processo diocesano nelle quali è permessa la partecipazione dei fedeli che, però, devono astenersi da ogni atto che possa indurre il popolo di Dio ad associare tale evento ad una automatica e conseguente beatificazione.

Banner

I criteri che regolano la celebrazione di questa prima sessione sono dettati dall'Istruzione "Sanctorum Mater", dell’allora Congregazione (oggi Dicastero) per le Cause dei Santi.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner