Al Villaggio Mancuso la prima biblioteca all'aperto d'Italia

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Al Villaggio Mancuso la prima biblioteca all'aperto d'Italia
La stazione sciistica di Villaggio Palumbo
  10 luglio 2022 13:39

Si è tenuta al Villaggio Mancuso, la presentazione di un progetto che punta alla collocazione nei villaggi silani e nel centro abitato, di cassette di scambio per i libri dove ognuno potrà ritirare e lasciare libri da condividere con tutti. Presenti, tra gli altri, l’eterea Elena Dardano organizzatrice dell’Hyle Festival Book,ed il noto e sagace autore di libri “silani” Costantino Mustari.

"Non tutti sanno però che la cultura è di casa a Villaggio Mancuso - ha dichiarato Giancarlo Spadanuda, villeggiante al Mancuso da una vita - In passato mi fu personalmente affidato dalla Soprintendente Bibliografica di Napoli l’incarico di “bibliotecario” della “Biblioteca per Villeggianti” del Villaggio Mancuso; essa ubicata sotto i pini nel luogo ove attualmente è sito un ben curato parco ristoro,constava di una costruzione mobile in legno agganciata tra due pini (ancora sono visibili i segni degli agganci) contenente circa 300 libri da distribuire gratuitamente ai villeggianti ,previa restituzione; di amena e varia lettura: Dostoevskij, Cechov, viaggi: Conrad e Melville, per i piccoli villeggianti: Pinocchio, Andersen, Alcott. Senonchè la Soprintendente,donna alta,non elegante,e baffuta,mi avvisò,con forte cipiglio:”se manca un libro lo paghi tu”.Io,giovane studente universitario,nel fui terrorizzato,tant’è vero che un giorno all’uscita del mitico Albergo delle Fate (ove alloggiavo in quanto ero anche direttore del night-club IL BRIGANTE non discoteca-con orchestra dal vivo “THE LORD’S di Firenze e spogliarellista-a porte chiuse) intravidi una famosa attrice in partenza la quale,in precedenza, aveva chiesto ed ottenuto Maupassant: “Racconti d’Amore”;le ordinai di aprire la valigia e di riconsegnarmi il libro:così fu".

Banner

Questo e tanto altro è stato Villaggio Mancuso ai tempi d’oro per chi lo ha vissuto come Spadanuda, che aggiunge: "La “Biblioteca per Villeggianti” è stata la prima ed unica all’aperto:è stata un centro di aggregazione e (perché no?) di cultura.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner