Alla scoperta della Biblioteca comunale "Filippo De Nobili" di Catanzaro (VIDEO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Alla scoperta della Biblioteca comunale "Filippo De Nobili" di Catanzaro (VIDEO)
La Biblioteca "De Nobili"
  16 ottobre 2019 07:43

di CLAUDIA FISCILETTI

Nel cuore del centro storico di Catanzaro e circondata dal verde di Villa Margherita, la biblioteca comunale “Filippo De Nobili” si propone come un punto di riferimento culturale per la cittadinanza. Può vantare un patrimonio bibliotecario di circa 150.000 volumi a cui i cittadini possono attingere con un tesseramento gratuito. Ma l’organizzazione bibliotecaria va ben oltre il semplice fornire la lettura dei libri e prestarli, bensì si adopera per il capoluogo calabrese proponendo attività culturali che spaziano su tutte le forme d’arte quali la letteratura, con presentazioni di libri scritti da autori soprattutto calabresi, la musica, il teatro, il cinema. Oltre a due Sale di Lettura e alla Sala Conferenze “A. Placanica”, la biblioteca comprende una Sala Ragazzi adibita appositamente per i più giovani che possono attingere a circa 7.000 volumi disponibili.

Banner

E’ proprio sui ragazzi delle scuole che punta la biblioteca, organizzando eventi in collaborazione con le scuole per mostrare agli studenti come la carta stampata sia ancora importante nonostante il boom del materiale digitale. Il direttore, Michele Marullo, con l'ausilio dei bibliotecari Marisa Gagliardi e Giacomo Borrino, ha espresso anche la volontà di voler allargare le collaborazioni con le università e con la “vicina” Accademia di Belle Arti di Catanzaro, oltre che far crescere ancora di più la cultura.

Banner

Banner

La biblioteca De Nobili è anche dotata di un invidiabile patrimonio antico che comprende 11 incunaboli, libri stampati nella seconda metà del ‘400, altri libri che risalgono al Cinquecento, Seicento e Settecento, poi il punto forte: il Libro Rosso della città di Catanzaro, che riporta le immunità concesse alla città dalla fine del XIV secolo alla metà del XVII e il privilegio dato dall’imperatore Carlo V al capoluogo calabrese nel 1.536. A questi si aggiungono altri manoscritti che in alcuni casi sono stati donati da illustri intellettuali calabresi.

 

A fare da interfaccia tra la biblioteca e il pubblico, vi è il personale di Catanzaro Servizi che ogni giorno si occupa della distribuzione, quindi dei tesseramenti, dei prestiti dei libri e delle registrazioni delle restituzione, ma è coinvolto anche nella vita organizzativa della biblioteca, occupandosi della catalogazione e di altri aspetti interni, rendendo così ancora più efficace il servizio bibliotecario.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner