Allarme incendi: c’è il disappunto degli aderenti al “Progetto Policoro”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Allarme incendi: c’è il disappunto degli aderenti al “Progetto Policoro”

  04 agosto 2021 15:12

di FRANCESCO IULIANO

Non sono rimasti indifferenti a quanto sta accadendo nelle ultime settimane,  i partecipanti al Progetto Policoro, l’iniziativa della Chiesa italiana che mira a dare una risposta al problema della disoccupazione giovanile, promuovendo e sostenendo l’imprenditorialità giovanile in un’ottica di sussidiarietà, solidarietà e legalità, secondo i principi della dottrina sociale della Chiesa.

Banner

"Da giorni, ormai – ha fatto sapere l’animatore della Diocesi di Catanzaro-Squillace, Francesco Costa - la nostra terra è preda di incendi che stanno distruggendo migliaia di ettari di boschi. Le regioni del sud Italia, in particolare la Calabria e la Sicilia, sono quotidianamente minacciate dalle fiamme. Ettari di vegetazioni sono andati in fumo, molti animali sono rimasti uccisi dalle fiamme.
Questo è il quadro drammatico che stiamo vivendo da giorni, favorito inoltre dalle calde temperature registrate in questi mesi estivi.
É urgente allora prendere una posizione concreta, non basta continuare a spegnere incendi, che inevitabilmente continuano a causare gravi conseguenze all'ambiente, occorre agire con un'azione di prevenzione, bloccando l'agire dei piromani, rafforzando l'attività di controllo, sensibilizzando i cittadini alle tematiche ambientali. Il rischio che stiamo correndo in questi tempi è quello di distruggere la nostra Casa Comune. L' enciclica "Laudato si" fa appello alla responsabilità di ciascuno. Ogni essere umano é chiamato a prendersi cura del creato. Il testo biblico della Genesi ci fornisce la risposta e il ruolo dell'uomo nel creato, esso deve soggiogare e dominare la terra coltivandola e custodendola. Come scrive Richard Schwartz: "dominio non signica il diritto di conquistare e sfruttare, ma di collaborare con Dio nel prendersi cura del mondo migliorandolo".

Banner

"Dobbiamo dunque farci voce del grido di aiuto che proviene dalla nostra Terra. Non basta semplicemente un attivismo ambientalista, ma è necessaria una presa di coscienza che riconosca la gravità di responsabilità che abbiamo rispetto alle prossime generazioni.
È ora di difendere la nostra terra con azioni concrete, prima di dare alle fiamme anche il futuro di tutto l'ecosistema".


Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner