All'ospedale "Pugliese" il ruolo dell’Infermiere raccontato dal dott. Critelli dopo 41 anni di professione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images All'ospedale "Pugliese" il ruolo dell’Infermiere raccontato dal dott. Critelli dopo 41 anni di professione
Da sinistra Francesco Citriniti, Salvatore Critelli, Nicola Pelle
  03 ottobre 2019 12:58

Il direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, dott. Nicola Pelle, è intervenuto, nella sala multimediale dell’Ospedale Pugliese, per rimarcare l’impegno straordinario da parte di tutti gli operatori sanitari in modo di  venire incontro alle molteplici esigenze del paziente, sia dal punto  di vista professionale che umano. L’occasione, in una sala gremita di medici, infermieri, tecnici e altri operatori,  è stata fornita dal saluto delle autorità sanitarie al dott. Salvatore Critelli, che ha coronato ben 41 anni di lavoro al Pugliese, come Infermiere, in due Unità operative basilari: Medicina Generale e Cardiologia. Il direttore Pelle ha portato come esempio encomiabile di dedizione, professionalità e umanità il lavoro svolto da Salvatore Critelli, concetto condiviso da tutti gli operatori presenti. Esaltando l’opera di Critelli, ha messo in rilievo la sua costante disponibilità verso l’utenza contribuendo alla buona immagine dell’Azienda.

 

Banner

Banner

Il responsabile dell’Ufficio amministrativo di presidio, dott. Francesco Citriniti, dopo essersi soffermato sulle difficoltà nella gestione quotidiana degli uffici, avendo avuto negli ultimi due anni Critelli come suo collaboratore, ha rimarcato le qualità unanimemente riconosciute al professionista ora in quiescenza. Parole di elogio e di congratulazioni sono state espresse da tutti i presenti, fra cui il direttore sanitario di presidio dott. Gianluca Raffaele.  Salvatore Critelli, nel suo saluto,  ha rivolto particolare attenzione all’evoluzione della professione infermieristica con queste parole: "Alcune leggi varate negli anni Novanta – Duemila hanno portato ad una importante evoluzione di questa splendida professione. L’Infermiere diventa finalmente professionista. Le disposizioni normative di questi decreti, hanno sancito il definitivo superamento del concetto di ausiliarità e l’abolizione del mansionario. Di pari passo viene riformato anche il sistema formativo, che è passato da quello regionale a quello Universitario portando ad avere gli Infermieri sempre più preparati, competenti , fino ad essere dirigenti. Un’ultima recente conquista  è stato il passaggio da Collegio degli infermieri a Ordine delle professioni infermieristiche".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner