AMA Calabria, Amanda Sandrelli sul palco con "Lisistrata”: “Fate l'amore e non fate la guerra”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images AMA Calabria, Amanda Sandrelli sul palco con  "Lisistrata”: “Fate l'amore e non fate la guerra”

Lo spettacolo è andato in scena ieri, 28 gennaio, al Teatro Comunale di Catanzaro

  29 gennaio 2022 09:46

di CLAUDIA FISCILETTI

Fate l'amore, non fate la guerra. Un messaggio pacifista diffusosi in tutto il mondo intorno alla fine degli anni Sessanta può servire per spiegare il principio su cui si fonda 'Lisistrata' di Aristofane e, al contempo, il modo in cui questa commedia scritta nel 411 a.C. sia sempre attuale, da applicare ad ogni epoca storica.

Banner

Lo spettacolo è andato in scena ieri sera, 28 gennaio, al Teatro Comunale di Catanzaro, con la regia di Ugo Chiti e con Amanda Sandrelli a vestire i panni della visionaria protagonista. La stagione teatrale di AMA Calabria, ideata e diretta da Francescantonio Pollice, riparte dopo la pausa natalizia con un evento in grado di far riflettere su un argomento. Quello della guerra fra uomini e donne e dei conflitti più in generale, usando la leggerezza, la risata.

Banner

In un'ora e mezza di spettacolo i momenti di ilarità sono molti. Questo è stato possibile perché tanto Aristofane al suo tempo, quanto Ugo Chiti, sono stati in grado di mettere in contrapposizione la differenza di ragionamento tra uomini e donne. Semplice, superficiale e da visioni limitate il pensiero maschile, scaltro, visionario e pragmatico quello femminile. È questa la contrapposizione, evidente sempre di più nel corso dello spettacolo, che scatena il riso facendo anche pensare su quanto e se siano cambiate le cose dal 411 a. C. al 2022.

Banner

Alla Sandrelli calza a pennello il ruolo di Lisistrata. L'attrice è a suo agio sul palco mentre domina la scena. La Scioglieserciti ha guidato le donne verso l'atto di protesta e l'astinenza forzata dal sesso per gli uomini che trascorrevano troppo tempo a fare la guerra. Per questo motivo stavano poco tempo con le loro donne.

I costumi di scena sono intenzionalmente anacronistici. Lontani dai drappi di stoffa usati nell'epoca della guerra tra Atene e Sparta, richiamano, più o meno fedelmente, il modo di vestire del ventennio fascista. Un altro escamotage utilizzato come richiamo all'attualità della commedia.

La stagione teatrale di AMA Calabria continua il 10 febbraio, alle 21, al Teatro Comunale di Catanzaro, con "Uno Stradivari al cinema", spettacolo con Guido Rimonda e la Camerata Ducale.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner