Amaroni, festa di Santa Barbara senza fuochi e senza il parere favorevole della commissione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Amaroni, festa di Santa Barbara senza fuochi e senza il parere favorevole della commissione
Amaroni (CZ)
  02 agosto 2019 10:31

di PAOLO CRISTOFARO

AMARONI (CZ) – Come ogni anno, ad Amaroni, attesissima e molto sentita è la Festa di Santa Barbara, che si svolge tra il 31 luglio e il 1° agosto. Oltre agli appuntamenti religiosi e civili – tipici delle feste patronali e di paese – è tradizione anche lo spettacolo pirotecnico. Quest’anno festa a metà nel comune del Catanzarese. La commissione di sicurezza, riunitasi per verificare lo svolgimento delle manifestazioni, ha espresso parere negativo sulla realizzazione dell’evento, data documentazione mancante o incompleta.

Banner

Lo apprendiamo dalla pagina Facebook del Comune di Amaroni, dove lo stesso sindaco, Luigi Ruggiero, ha spiegato l’accaduto. «Per quanto di mia competenza, ho istituito con decreto sindacale la Commissione Comunale, per valutare le proposte […] La stessa Commissione, composta da 6 membri di cui 3 esterni (un rappresentante dei Vigili del Fuoco, un esperto in elettrotecnica ed un rappresentante dell’ASP) si è riunita ben tre volte per valutare la documentazione per la festa di Santa Barbara, senza mai emettere parere favorevole in quanto, gli allegati necessitavano di integrazioni. Ciò nonostante, mi sono assunto di persona la responsabilità di autorizzare lo svolgimento della festa (spettacoli musicali, processione ecc.), senza parere favorevole della Commissione stessa» ha scritto il primo cittadino.

Banner

In pratica la festa si è svolta senza parere tecnico, ma dietro un’assunzione di responsabilità diretta del sindaco. Tuttavia, non è bastato per garantire l’atteso spettacolo pirotecnico – di solito partecipato anche dai tanti emigrati – sempre per motivi di sicurezza. «Sul fronte fuochi pirotecnici, la normativa è diversa in quanto non è la Commissione Comunale a dare i pareri, bensì la “Commissione Tecnica Territoriale in Materia di Sostanze Esplodenti” costituita in Prefettura. In data 8 luglio, ho trasmesso tutta la documentazione richiesta alla Prefettura, richiedendo l’autorizzazione al lancio dei fuochi pirotecnici. Dopo tanti rinvii, la Commissione di cui sopra, si riuniva in data 29 luglio e, soltanto martedì 30 luglio, alle ore 13.30, ha trasmesso copia del verbale dal quale si evince che: La Commissione non può esprimere parere favorevole» ha concluso Ruggiero nella sua nota.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner