Amaroni. Il futuro ha un sapore antico: tra storia, archeologia e scienza tutti i 'profumi' dell'olio di oliva

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Amaroni. Il futuro ha un sapore antico: tra storia, archeologia e scienza tutti i 'profumi' dell'olio di oliva
Lagrotteria, Ruggiero, Vatrano e Ranieri
  06 novembre 2021 14:17

di MASSIMO PINNA

Storia e archeologia si fondono nell'olio di oliva. Da sempre. 

Banner

Tanti gli spunti culturali nati dall'incontro di Amaroni, per la presentazione del "L'olio d'oliva tra storia, archeologia e scienza"

Banner

E' un olio d'oliva, il protagonista del pomeriggio informativo organizzato dall' Amministrazione Comunale di Amaroni nella Sala Consiliare.

Banner

E lo fa attraverso gli interventi qualificati di Bakhita Ranieri, archeologa, e Thomas Vatrano, agronomo, autori del libro " L'olio d'oliva tra storia, archeologia e scienza", alla quinta ristampa, prossima la sesta, che sono stati preceduti da un caloroso benvenuto da parte del sindaco Luigi Ruggiero, affiancato dal vicesindaco Teresa Lagrotteria.

Nella prima parte ne viene ripercorsa la storia, la valenza, sin dall'antichità, per i Popoli del Mediterraneo, passando attraverso l'uso quotidiano dell'olio come alimento, la cura del corpo, la lavorazione della lana, la preparazione atletica; ancora: l'uso dell'olio nella medicina, i profumi nell'antica Roma, le 250 menzioni nella Bibbia, ora come pianta, ora come estratto, l'ulivo  nell'arte e nella letteratura.

Senza dubbio l'olio che si racconta è cultura, che esprime attraverso riti, pratiche e tradizioni il suo valore simbolico e religioso: fertilità, pace, luce contrapposta alle tenebre, rinascita; è espressione del valore di  un territorio, "areale olivicolo" come quello di Amaroni e di tanti paesi calabresi, di un patrimonio rurale da preservare.

La parte scientifico-agronomica  si sofferma sull’importanza del consumo dell’olio d’oliva e dei benefici per la  salute : dal diabete di tipo 2 alla prevenzione dell'ictus, delle malattie cardiache, della depressione; ancora  il germoplasma olivicolo calabrese (con la proiezione delle schede elaiografiche), l' uso delle foglie di ulivo, gli effetti terapeutici, l'impiego dell'olio d'oliva in cucina.

L'incontro ha suscitato nel pubblico neofita particolare interesse, sollecitandolo a numerose domande.

A conclusione, l'arte dell'assaggio degli olii prodotti da 3 aziende del territorio: l'olio biologico Bova, l'olio extra vergine Frisina e l'olio d'oliva dei f.lli Lanzellotti, con l'agronomo Thomas Vatrano che ha accompagnato i presenti in un viaggio sensoriale alla ricerca dell'olio d'oliva di qualità.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner