Anche da Catanzaro l'appello per ritrovare Sara Pedri, la ginecologa scomparsa il 4 marzo in Trentino

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Anche da Catanzaro l'appello per ritrovare Sara Pedri, la ginecologa scomparsa il 4 marzo in Trentino
Sara Pedri
  14 marzo 2021 22:12

di STEFANIA PAPALEO

Sara Pedri, ginecologa di 31 anni originaria di Forlì, è scomparsa nel Trentino dal 4 giugno scorso. "Una giovane donna, collega brillante e piena di vita", viene definita da chi l'ha conosciuta a Catanzaro. Ed è proprio dal capoluogo calabrese che stanno partendo a ritmo incalzante gli appelli dei colleghi che ne hanno incrociato il cammino quando Sara era ancora una specializzanda al Policlinico di Catanzaro. La famiglia la cerca disperatamente. Di lei, al momento, è rimasta solo l'auto trovata dai carabinieri in località Mostizzolo, nel Comune di Cis, al confine con quello di Cles dove stava lavorando attualmente, dopo che il suo contratto in Calabria non era stato rinnovato. All'interno dell’auto è stato trovato anche il cellulare della giovane dottoressa, che pare non si trovasse proprio a suo agio sul nuovo posto di lavoro. 

Banner

Un appello è stato lanciato anche dalla prof. Venturella, di ginecologia universitaria di Catanzaro, che dice "Esci fuori Sara e poi torna giù". Sulla stessa scia Tiziano Anfosso, specialista in Ginecologia e Ostetricia sempre a Catanzaro, e tutti gli altri colleghi e amici di cui Sara aveva conquistato il cuore nella sua parentesi calabrese che, probabilmente, si è chiusa troppo presto, a causa di una sanità malata.

Banner

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner