Aree contaminate in Calabria, Scutellà (M5S): "Preoccupano i dati su mortalità per malattie croniche"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Aree contaminate in Calabria, Scutellà (M5S): "Preoccupano i dati su mortalità per malattie croniche"

  07 agosto 2023 09:20

«Dal Rapporto “Sentieri” forte preoccupazione per salute pubblica. Chiesti interventi incisivi del governo».

 

Banner

Roma, 7 agosto 2023 - «Il sesto Rapporto del Progetto Sentieri sull’analisi di mortalità e ospedalizzazione dei Siti di interesse nazionale ci restituisce un quadro allarmante per quanto attiene alla salute dei cittadini del Sin Crotone-Cassano-Cerchiara. L’aumento dell’indice di mortalità per malattie croniche non può più essere sottovalutato».

Banner

 

Banner

Lo dichiara in una nota la deputata del Movimento 5 Stelle, Elisa Scutellà.

 

«Nell’interrogazione che ho indirizzato al Ministro della Salute e al Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ho esposto non solo le criticità evidenziate dal Progetto “Sentieri”, ma ho anche incalzato i rappresentanti del governo affinchè intraprendano ogni azione utile  per  sollecitare l’avanzamento dell’iter di bonifica del Sin Crotone-Cassano-Cerchiara ed evitare che le richieste avanzate da Eni, di stravolgere il deliberato della Conferenza di servizi, possano compromettere la salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente nella zona interessata.

 

Inoltre, ho reputato necessario, a fronte delle criticità specificate nell’atto di sindacato ispettivo, richiedere al Ministro Schillaci e al Ministro Pichetto Fratin, di nominare con urgenza un Commissario Sin per la Calabria.

 

Purtroppo – prosegue l’esponente pentastellata – l’atavica problematica del Sin Crotone-Cassano-Cerchiara, che da oltre due decenni rientra nell’elenco delle aree più inquinate del nostro Paese, continua a non ricevere la dovuta attenzione ai fini di una definitiva risoluzione.

 

Non è accettabili che i cittadini che vivono in quelle zone ad alto tasso di inquinamento debbano continuare a morire, a perdere i propri cari a causa di un dramma ambientale che continua a restare irrisolto.

 

È bene che tutte le parti ed istituzioni competenti – conclude la Scutellà - si attivino per addivenire ad una soluzione efficace evitando di procrastinare a data da destinarsi ciò che invece andrebbe affrontato con massima priorità ed urgenza».

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner