Aria tesa al Comune di Catanzaro: si dimettono tre presidenti di commissione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Aria tesa al Comune di Catanzaro: si dimettono tre presidenti di commissione
Palazzo De Nobili
  06 dicembre 2021 14:47

Aria tesa al Comune di Catanzaro. Tre presidenti delle commissioni consiliari si sono dimessi. Antonio Ursino (Catanzaro da Vivere) lascia la guida della Quinta, quella che si occupa, di Turismo, politiche del mare, attività produttive, Giuliano Renda (gruppo misto) lascia la guida della terza, quella che si occupa di Risorse finanziarie, affari generali, personale, servizi demografici, Fabio Talarico, lascia la guida della Prima commissione Urbanistica, patrimonio, polizia urbana, mobilità, traffico

L'articolata composizione della maggioranza fa sentire il suo peso a Palazzo De Nobili. Tra un gruppo misto foltissimo al cui interno si trovano di fatto esponenti di diverse aree e con differenti leader di riferimento, richieste di modificare la Giunta e scaramucce, spesso personali, il tappo rischia di saltare. L'estrema 'incertezza' sulla maggioranza sarebbe la principale causa che ha portato il passo indietro di Ursino, Renda e Talarico. Peraltro non è escluso che lo stesso possa fare anche Lorenzo Costa che guida invece la quarta commissione. 

Banner

I battibecchi sono continui. Praticamente all'ordine del giorno. "Sgomitano" ad esempio Eugenio Riccio, leader del gruppo misto, che fa riferimento al presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso e che quindi punta a capitalizzare questo peso, e Sergio Costanzo. Quest'ultimo, che alle Regionali ha sostenuto Tranquillo Paradiso della lista Forza Azzurri, è candidato alla Provincia nella lista 'benedetta' dal coordinatore regionale di Forza Italia Mangialavori in 'compagnia' di candidati espressione del gruppo 'Catanzaro da Vivere' che al Comune fa capo a Marco Polimeni. Una mischia forse senza precedenti dalle parti di Palazzo De Nobili in cui l'aria ribolle più del solito. (g.r.)

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner