Aspromonte, la diga del Menta ha ospitato per la prima volta una regata in barca a vela

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Aspromonte, la diga del Menta ha ospitato per la prima volta una regata in barca a vela

  09 agosto 2021 14:11

In barca a vela nel cuore dell’Aspromonte: la diga del Menta ha ospitato per la prima volta una regata in barca a vela. E’ accaduto sabato e domenica scorsa su iniziativa del Comune di Santo Stefano di Aspromonte, di Roccaforte del Greco, la Città Metropolitana con il patrocinio della Sorical e del Parco Nazionale d’Aspromonte. A portare le barche a vela sul lago Menta è stata l’Antica Marineria Catonese, Club Vela Latina dello Stretto, due giornate suggestive che fanno da apripista all’utilizzo turistico dell’invaso del Menta.

Banner

A tre anni dall’ultimazione della diga e l’avvio dell’erogazione dell’acqua a Reggio Calabria, Sorical ha ultimato il progetto esecutivo, commissionato dal Parco dell’Aspromonte, di attrezzare alcune aree prospicenti alla diga, per attività ludiche naturalistiche e sportive. Il lago, ubicato a 1400 metri sul livello del mare, è situato in una zona a forte precipitazione nevose fino a marzo e nel progetto della Sorical è prevista la messa in sicurezza della strada che compie il giro completo del lago, lunga 8 km da utilizzare in inverno per lo sci di fondo e in estate per escursioni in bicicletta e passeggiate naturalistiche. Inoltre lo specchio d’acqua si presta per attività sportive come la vela, il winsurf e la pesca d’altura. Inoltre nel progetto della Sorical è prevista un’area con parete attrezzata per arrampicate, un’area picnic e un museo multimediale per ospitare studenti in visita alla diga.

Banner

Banner

L’invaso del Menta è situato nel cuore del Parco dell’Aspromonte è ben collegata con Gambarie, centro turistico dove è possibile usufruire di molte strutture ricettive. “

“Sorical ha accettato senza riserve la proposta degli organizzatori – afferma il commissario Cataldo Calabretta – affinché sia la diga del Menta che quella dell’Alaco possano diventare un volano di sviluppo turistico sostenibile per gli appassionati della montagna e di paesaggi naturalistici.”

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner