Assemblea Ordine dei Medici di Catanzaro, ok consuntivo e premiati gli iscritti da 45 anni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Assemblea Ordine dei Medici di Catanzaro, ok consuntivo e premiati gli iscritti da 45 anni

  28 giugno 2024 16:06

Il ruolo del medico rimane centrale e insostituibile nel sistema sanitario nazionale. I medici devono adattarsi a un contesto in evoluzione, integrando nuove conoscenze e tecnologie nella pratica quotidiana, senza perdere di vista i valori fondamentali della professione medica: umanità, solidarietà, tutela della salute e rispetto per la dignità del paziente.

Un messaggio sentito quello che il presidente dell’Ordine dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Catanzaro, Vincenzo Antonio Ciconte, ha voluto trasmettere nel corso dell’assemblea ordinaria annuale per l’approvazione del conto consuntivo del 2023, riunita nella sala conferenze dell’Hotel Guglielmo di Catanzaro.

Banner

Come di consueto, l’assemblea annuale è diventata momento di socialità fornendo imperdibile occasione per premiare i medici che hanno conseguito i 45 anni di iscrizione e per consegnare la pergamena con il giuramento di Ippocrate ed il Codice deontologico, ai neo laureati. Senza dimenticare i colleghi che sono scomparsi nei mesi scorsi, ai quali è stato dedicato un minuto di silenzio in avvio di lavori. 

Aprendo l’assemblea - alla sala stracolma di colleghi e colleghe -  il presidente Ciconte ha relazionato in merito all’attività svolta nell’ultimo anno, soffermandosi anche sull’articolato percorso formativo che ha arricchito la quotidianità della sede dell’Ordine. In particolare, ha sottolineato l’importanza dell’aggiornamento professionale, puntando l’attenzione sul corso di management medico avanzato e di politiche sanitarie, concluso a dicembre, e ripartito con la XIII edizione il 28 giugno. “E’ motivo di grande vanto per noi avere creduto in un approccio innovativo alla medicina introducendo nel programma concetti moderni, come la managerialità, la comunicazione, il federalismo sanitario, la performance, la qualità, insomma gli argomenti di più vario interesse per affrontare al meglio la nostra professione”, ha detto il presidente Ciconte.

Banner

Tra i corsi consolidati anche quello organizzato dal presidente della Commissione Albo degli Odontoiatri, Salvatore De Filippo, che ne ha illustrato modalità e spirito, dopo l’intervento del dottor Lino Puzzonia: il tesoriere con semplicità e grande capacità di sintesi ha “presentato” un Ordine in buona salute contabile. Come confermato dal presidente del Collegio dei Revisori, la professoressa Marianna Mauro che ha comunicato il parere positivo dell’organo contabile.

RICOSTRUIRE IL SISTEMA SANITARIO – “Dobbiamo ripartire e ricostruire il nostro sistema sanitario nazionale basandoci sui principi che ne hanno ispirato la nascita: universalità, equità e uguaglianza. Tali principi coincidono con i capisaldi del nostro codice deontologico: umanità, solidarietà, sussidiarietà, tutela della salute individuale e collettiva, senza alcuna discriminazione, attuati attraverso la salvaguardia della dignità, del decoro, dell'indipendenza e della qualità della professione. Insomma, ribadisco che non si può fare sanità senza i medici”, ha affermato il presidente Ciconte nella sua relazione.

AZIENDA UNICA, LA GRANDE SFIDA – “Da molto tempo ci eravamo favorevolmente espressi riguardo all’Azienda unica che si è concretizzata nell’atto aziendale recentemente pubblicato. Al momento – ha sottolineato Ciconte – sembra siano state accolte le nostre istanze di valorizzare le professionalità e le migliori strutture esistenti nelle due realtà con pari dignità. Nel Meridione d’Italia verosimilmente è l’unica struttura di tali dimensioni che coniuga didattica, ricerca e formazione con l’assistenza. Sarà una grande sfida che ci vedrà protagonisti nel panorama nazionale in termini di volumi di attività, prestazioni cliniche e produzione scientifica”.

IL CODICE DEONTOLOGICO – “Il codice deontologico è il cuore pulsante delle innovazioni, delle riforme e delle trasformazioni che caratterizzano la sanità nei prossimi decenni – ha detto ancora Ciconte -. Attualmente in riscrittura per adeguarlo ai cambiamenti della società, esso dovrebbe essere portato e commentato nei luoghi di lavoro, anche per favorire la formazione spirituale dei giovani medici. La deontologia professionale rappresenta la stella polare della pratica medica, guidando i professionisti nell'impegno quotidiano a servire i pazienti con integrità, competenza e rispetto. Mantenere elevati standard etici è essenziale non solo per il benessere dei pazienti, ma anche per la fiducia della società nella professione medica. Viviamo in un momento di cambiamenti epocali, tra cui l'intelligenza artificiale, la robotica e la genomica. Tuttavia, ribadisco che tra gli sviluppi della ricerca e della scienza, tanto rilevanti per il progresso della medicina, non possono surrogare il rapporto medico-paziente.

NESSUN ALGORITMO POTRA’ SOSTITUIRE UN MEDICO – “Nessun algoritmo potrà mai sostituire il rapporto medico-paziente, poiché l'arte medica non si fonda solo sulle competenze acquisite durante il percorso formativo, ma nella capacità del medico di utilizzare quelle stesse competenze in una relazione che valorizza e tutela la dignità di ogni persona che a lui si affida. Tutto ciò non fa che consolidare la mia convinzione che, al di là dei cambiamenti, la deontologia deve rispettare la dignità professionale, intesa come indipendenza intellettuale e libertà scientifica”, ha detto ancora il presidente dell’Ordine.

“Dobbiamo sempre ricordare che la malattia non può essere curata senza conoscere il singolo malato – ha aggiunto ancora Ciconte -. In quanto persone, è necessario abituarsi all'ascolto del paziente, della sua storia, delle sue ansie e delle sue paure che configurano la singolarità del caso e la sua complessità. Perché è sempre possibile curare, è sempre possibile consolare anche quando non è possibile guarire. Come dice Papa Francesco, bisogna mettere il malato prima della malattia, per una cura che sia veramente tale, veramente integrale, veramente umana”.

 

LE ATTIVITA’ DELL’ORDINE - Il presidente Ciconte ha voluto ricordare alcune delle attività condotte dall’Ordine negli ultimi mesi, menzionando in particolare eventi come quello sulla Medicina di Genere “Nuove sfide per il futuro”, organizzato insieme alla Commissione per la parità di genere presente nel nostro Consiglio. Ma anche il corso di aggiornamento di odontoiatria, grazie all’impegno del dottore Salvatore De Filippo, presidente, e a tutta la Commissione Albo degli odontoiatri, giunto alla XIII edizione “Gli odontoiatri al servizio delle famiglie”.

Nel corso dell’assemblea sono stati ricordati, sempre un momento di sincera e profonda commozione, i medici che sono scomparsi nell’intervallo di tempo intercorso dall’assemblea dello scorso anno, lasciando come eredità il rispetto dei valori etici e morali della nostra professione.

Un minuto di silenzio è stato dedicato alla memoria di: Antonio Alvaro, Michele Arrotta, Antonio Bava, Antonio Butera, Pantaleone Rosario Carito, Dante Ciriaco, Francesco Colucci, Michele Console, Giovanni Demasi, Maurizio Corrado Docimo, Ettore Guerrieri, Rosalbino Isabella, Giovanni Maltese, Antonio Pietro Mazza, Matilde Molinaro, Vito Montesano, Salvatore Mustara, Ezio Mussari, Germana Pate, Caterina Piacente, Maurizio Rocca, Carolina Talarico, Valentino Alessandro Vescio.

“La medaglia che conferiamo rappresenta una testimonianza di riconoscenza e amicizia per coloro che hanno dedicato la propria vita professionale prendendosi cura dei pazienti più deboli e fragili, considerandoli come persone oltre che come malati. Mi auguro che voi, giovani medici, apprezziate questi valori vitali, custodendoli gelosamente nel vostro patrimonio culturale e mettendoli in pratica in qualsiasi momento della vostra vita professionale”, ha concluso il presidente Ciconte prima di passare alle premiazioni.

 

Di seguito i nomi dei medici che hanno conseguito i 45 anni di iscrizione premiatiVincenzantonio Aloi, Aristide Anfosso, Maria Caterina Anoja, Mariano Ariganello, Angelo Augruso, Nicola Bagetta, Tommaso Battaglia, Giovanni Bianco, Francesco Bruno, Teresa Cesarina Marta Burgo, Francesco Calabrò, Paola Calvelli, Franco Cappello, Maria Carnuccio, Francesco Caruso, Mario Catalano, Eugenio Celia Magno, Gaetano Ceravolo, Giuseppe Angelo Ceravolo, Giuseppe Angelo Ceravolo, Alfonso Ciacci, Francesco Cimino, Giuseppe Salvatore Antonio Clericò, Rita Colace, Giuseppe Costante, Loredana Costantino, Maria Concetta Costantino, Rosetta Costanzo, Antonio Cristiano, Peppino Cristiano, Silvana Angela Emilia De Filippis, Elisa Rosarina De Giorgio, Elisabetta Maria Rita De Giorgio, Manlio De Pasquale, Cesare De Rosa, Franca De Santis, Giuseppe De Santis, Anna Di Giuseppe, Irini Dimitriadu, Carlo Maria Elia, Elvira Falvo, Gianfranco Farina, Iolanda Fera, Cesare Maria Focarelli Barone, Antonio Foresta, Domenico Froiio, Salvatore Froio, Fausto Galiano, Pietro Gangemi, Antonio Gerace, Giuseppe Giannotti, Giuseppina Gimigliano, Raffaele Grasso, Marzia Grisanti, Raffaele Guerrieri, Marcello Aldo Infelise, Antonio La Vitola, Anna Lamanna, Francesco Leone, Aurelio Macrì, Paolo Pietro Majolo, Giuseppe Mauro, Nicola Mazzuca, Silvana Miniaci, Salvatore Monteleone, Adele Nania, Vincenzo Palleria, Anna Parrotta, Francesco Peltrone, Domenico Perri, Rosaria Persico, Claudio Porchia, Rosario Raffa, Agostina Renzi, Roberta Rhodio, Francesco Romano, Giuseppe Carmelo Romeo, Domenico Rondinelli, Giuseppina Rotella, Maria Ruberto, Nicola Salatino, Antonio Scalise, Gino Scalone, Alfredo Scrivo, Antonio Sementa, Michele Sergi, Giovanna Serrao, Aldo Staglianò, Umberto Talarico, Rosa Tavella, Alfredo Torcia, Brunella Varano, Vittorio Ventura, Francesco Veraldi, Sergio Vero, Antonio Michelangelo Vescio, Vittoria Zinzi.

 

I neo iscritti all’Albo dei Medici ChirurghiMartina Aloi, Rosario Andracchio, Roberta Bagetta, Antonio Baldrini, Paola Barbuto, Alice Battaglia, Anna Giulia Billa, Emilia Bilotta, Soufiane Bousyf, Rosa Cristina Bruno, Emanuela Calabretta, Francesca Callipari, Gianluca Canino, Carla Caporale, Eleonora Cappello, Ferdinando Caputi, Tatiana Carito, Zaninni Caroleo, Federico Carrabetta, Serena Castanò, Armando Celia, Francesco Chiaravalloti, Eugenio Chiarella, Domenico Chisari, Vittoria Ciliberto, Massimo Isacco Citino, Gregorio Federico Comi, Francesca Conte, Riccardo Davoli, Noemi De Fazio, Vito De Filippis, Susanna De Giornio, Sara De Mundo, Elena Maria Di Virgilio, Antonio Facciolo, Roberta Ferrante, Bianca Focarelli Barone, Giuseppe Froio, Nastassia Carmelina Garo, Mario Giovanni Genovese, Vincenza Gerace, Matteo Geraci, Ludovica Gianna, Marialuisa Gigliotti, Stefania Guadagnolo, Emanuele Guzzo, Domenico Iembo, Barbara Iencarelli, Marta La Vitola, Maria Pia Lentini, Marco Leuzzi, Giampiero Loiero, Angelo Maida, Maria Antonietta Massimo, Valentina Mastrangelo, Daniele Mauro, Giuseppe Mazza, Vincenzina Mellace, Francesco Montilla, Eleonora Morelli, Carmelo Parrotta, Assunta Patamia, Valeria Porciatti, Domenico Procopio, Alessandra Quintieri, Giuseppe Quintieri, Debbie Ricelli, Mariarosa Ricelli, Francesca Riggio, Lorenzo Rijillo, Giuseppina Rotundo, Martina Sacco, Irene Sanzi, Eleonora Saraceno, Sara Sbano, Alessia Scalzo, Chiara Scarcella, Domenico Sestito, Lwanga Ssempijja, Francesca Stella, Lorenza Talarico, Giusy Tocci, Armando Trapuzzano, Martina Ventroce.

 

 

I neo iscritti all’Albo degli Odontoiatri: Domenico Emilio Barbuto, Alessandro Bilotta, Laura Cirillo, Giulia Mazzei, Sara Murano, Luca Parentela, Lucilla Maria Perri, Francesco Ranieri, Marianna Salviati, Antea Tramontana, Davide Tramontana.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner