Assunzione di funzionari al Comune di Botricello, l'opposizione lamenta la "non partecipazione alla manifestazione di interesse del MAECI"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Assunzione di funzionari al Comune di Botricello, l'opposizione lamenta la "non partecipazione alla manifestazione di interesse del MAECI"
La sede del comune di Botricello
  02 maggio 2024 15:17

"Al fine di ridurre il ritardo di quelle regioni meno favorite che presentano gravi e permanenti svantaggi naturali, con Decreto n. 607/2023 del Dipartimento per le Politiche di Coesione, è stata pubblicata la manifestazione d’interesse rivolta ai Comuni ed agli Enti delle Regioni del Sud Italia, finalizzata all’assunzione di funzionari da assegnare agli Enti territoriali per velocizzare l’utilizzo delle risorse finanziarie per la realizzazione degli interventi della politica di coesione.

I costi di questo personale assegnato agli Enti locali grava totalmente sul bilancio statale e senza nessun aggravio per i bilanci comunali.

Banner

Considerato che non era stata pubblicata la delibera della giunta comunale di Botricello, da allegare alla richiesta di adesione del comune, pena di inammissibilità, i cui termini sono scaduti il 30 gennaio 2024, con nota inviata via Pec, venivano richieste notizie al Sindaco, al Responsabile dell’Ufficio Tecnico ed al Segretario Comunale, sull’eventuale avvenuta partecipazione del comune di Botricello alla manifestazione d’interesse pubblicata dal Ministero.

Banner

Recentemente ci è pervenuta una nota a firma del Sindaco con cui comunica ed ufficializza la non partecipazione del comune di Botricello alla manifestazione d’interesse del Ministero.

Banner

Il sindaco, arrampicandosi sugli specchi, motiva la non adesione all’avviso pubblico

Ministeriale con argomentazioni prive di contenuti credibili.

Si fa riferimento ad una “analisidel documento Ministeriale, fatta direttamente dall’Amministrazione (sic!), che ha evidenziato potenziali criticità e rischi di lungaggini procedurale che si potrebbero ripercuotere negativamente sui futuri obiettivi assunzionali dell’Amministrazione.

In particolare, tra le strane motivazioni si fa riferimento al fatto che il Comune di Botricello, ha già al suo interno due figure, assegnate dall’Agenzia di Coesione, a seguito di richiesta fatta nell’anno 2021 e che si occupano delle pratiche del PNRR, titolari di un contratto a tempo determinato valido fino all’anno 2025, la cui eventuale presumibile futura stabilizzazione poteva essere compromessa dalla partecipazione all’avviso ministeriale.

Sicuramente con la mancata adesione del Comune alla manifestazione d’interesse, si rischia di rimanere privi di risorse umane dotate di elevata qualificazione professionale e di conseguenza rallentare gli investimenti finanziati con i fondi di coesione.

Le poco convincenti spiegazioni del Sindaco vengono smentite dal fatto che in questi giorni è stato pubblicato il Decreto del 18 aprile 2024, a firma del Direttore del Dipartimento per le

Politiche di Coesione e per il Sud, con cui viene approvato l’elenco inerente l’esito della ricognizione del fabbisogno di personale proposto dalle amministrazioni.

L’elenco comprende circa il G0% dei comuni della Regione Calabria ed in particolare, tranne il comune di Botricello, tutti i comuni dell’intero comprensorio, che a differenza del nostro comune, hanno dato dimostrazione di lungimiranza politica/amministrativa.

Sicuramente anche tutte le Amministrazioni che hanno partecipato all’avviso pubblico, avranno verificato il documento Ministeriale, ed hanno ritenuto lo stesso un’opportunità positiva per gli interessi delle loro comunità.

Solo “l’analisi” fatta dall’Amministrazione Comunale di Botricello a rilevato criticità e pertanto non ha ritenuto opportuno aderire al bando ministeriale.

Una cosa veramente assurda.

Un altro esempio negativo, frutto di un’azione politica approssimativa, che relega Botricello a ruoli sempre più marginali nel comprensorio.

Anche in questa circostanza, registriamo la penalizzazione del nostro comune da parte di una classe politica autoreferenziale, che pensa ad ottenere consensi elettorali elargendo in modo clientelare solo ed esclusivamente affidamenti diretti che calpestano sempre di più le regole democratiche, affossando la certezza dei diritti".

Lo scrivono, in una nota, i Consiglieri del Gruppo di Opposizione “UniAmo Botricello”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner