Assunzioni per la Regione oltre gli attuali limiti, gli emendamenti calabresi al Milleproroghe

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Assunzioni per la Regione oltre gli attuali limiti, gli emendamenti calabresi al Milleproroghe

  04 febbraio 2022 09:33

di GABRIELE RUBINO

Assunzioni oltre gli attuali limiti per il Pnrr e per la sanità. E' l'obiettivo di alcuni emendamenti presentati al testo originario del Decreto Milleproroghe. Il testo è attualmente all'esame della Camera. Primo firmatario di tre emendamenti che riguardano la Calabria è Francesco Cannizzaro, parlamentare di Forza Italia. Dei tre, uno è stato dichiarato inammissibile. Gli altri due sono stati 'ripescati' dopo il riesame. Ovviamente la partita per la loro approvazione resta lunga e in salita e bisognerà attendere i prossimi giorni.

Banner

DIRIGENTI DI ASP E OSPEDALI NELLE POSTAZIONI VACANTI REGIONALI. EMENDAMENTO INAMMISSABILE- Partiamo da quello dichiarato inammissibile. Per le regioni in piano di rientro si consentiva la possibilità di "assegnare incarichi dirigenziali corrispondenti a posizioni vacanti al personale di pari livello dirigenziale appartenente alle aziende sanitarie, territoriali, ospedaliere o universitarie, del medesimo servizio sanitario regionale, attraverso il ricorso al comando, distacco, all'assegnazione temporanea o ad altro istituto analogo, anche in deroga al relativo ordinamento". E' la proposta emendativa 1.162 e rispecchia un pallino del presidente Roberto Occhiuto che fin dalle prime uscite dopo l'insediamento aveva dichiarato l'intenzione di ricorrere ai dirigenti di Asp e ospedali per colmare i vuoti nel dipartimento regionale Tutela della Salute. Come detto però l'emendamento, al momento, non è passato. 

Banner

ASSUNZIONI PER PNRR E EMENDAMENTO CALABRIA LAVORO- Gli altri due ripescati prevedono, come anticipato, deroghe agli attuali limiti assunzionali. Il primo emendamento (1.156) prevede che la Regione Calabria possa farlo - pur sempre entro il 100% della spesa relativa al personale cessato nell'anno precedente-  per "l'accelerazione delle procedure e degli investimenti pubblici, con particolare riferimento a quelli in materia di mitigazione del rischio idrogeologico, ambientale, manutenzione di scuole e strade, opere infrastrutturali, edilizia sanitaria, per l'attuazione dei progetti attuativi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Piano nazionale di ripresa e resilienza)" e per la sanità. Dedicato agli investimenti del Pnrr è pure l'altro emendamento forzista (1.157). La Regione Calabria "può avviare procedure selettive per l'assunzione di personale a tempo indeterminato, anche in soprannumero riassorbibile, in deroga ai limiti assunzionali vigenti, valorizzando le esperienze professionali maturate dal personale in servizio presso l'Azienda Calabria Lavoro, che ha già prestato attività lavorativa presso la regione Calabria, per il tramite di Azienda Calabria Lavoro, in forza ad un contratto a tempo determinato o di collaborazione coordinata e continuativa per almeno 12 mesi". Le procedure, in questo caso, saranno gestite da Formez. 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner