Attacchi a Zizza per il commissariamento di Lamezia. La solidarietà di Granato (M5S): "Non si può criticare chi chiede legalità"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Attacchi a Zizza per il commissariamento di Lamezia. La solidarietà di Granato (M5S): "Non si può criticare chi chiede legalità"

La Granato evidenzia che "la città è bloccata a causa di chi continua riempire le liste di candidati dal curriculum non specchiato che mette in pericolo la legittimità delle azioni e dell’amministrazione a causa di rapporti discutibili"

  01 marzo 2021 10:46

“In una regione come la Calabria succede che perseguire la strada della legalità piuttosto che un merito, un atto di coraggio, un atteggiamento da sostenere ed emulare, diventa una colpa, quasi un motivo di vergogna. Ed è così che Silvio Zizza, ex candidato a sindaco per il Movimento 5 stelle nelle ultime comunali di Lamezia, diventa oggetto di persecuzione verbale, responsabile dell’ennesimo commissariamento del Comune di Lamezia Terme. Ma Zizza, presentando ricorso al Tar e al Consiglio di Stato, ha semplicemente esercitato il diritto-dovere di chiedere giustizia”.

E’ quanto afferma la senatrice Bianca Laura Granato che esprime vicinanza e solidarietà all’ex candidato a sindaco per il Movimento 5 stelle nelle ultime comunali di Lamezia, oggetto di continue critiche e attacchi in seguito alla decisione di presentare ricorso prima al Tar e poi al Consiglio di Stato, contro l’esito delle elezioni comunali di Lamezia.

Banner

“Il Comune di Lamezia certamente non è stato commissariato per colpa di chi fa ricorso: è inammissibile che passi il messaggio di certa politica che preferisce mettere la polvere sotto il tappeto e usare il termine legalità come paravento – afferma ancora Granato -. Il Comune di Lamezia, è bene ricordarlo, è stato commissariato per chi ha commesso illeciti amministrativi accertati. E ricordiamo che sono anche in corso delle indagini della Procura: e questo è un fatto, non una ‘invenzione’ di Zizza.

Banner

"La città è bloccata a causa di chi continua riempire le liste di candidati dal curriculum non specchiato che mette in pericolo la legittimità delle azioni e dell’amministrazione a causa di rapporti discutibili. E per responsabilità di chi preferisce chiudere gli occhi davanti alla trasparenza e all’onestà - conclude - per avere un pugno di voti in più, che non serviranno certo al governo della città ma a solo coltivare il proprio orticello, quello dove crescono interessi personali e si affossa il bene comune”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner