Atti intimidatori a Progetto sud. Vallone (Anpi): "Le istituzioni facciano uno sforzo comune per porre fine a questo scempio"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Atti intimidatori a Progetto sud. Vallone (Anpi): "Le istituzioni facciano uno sforzo comune per porre fine a questo scempio"

  11 marzo 2021 21:53

"Ancora una volta La Comunità Progetto Sud presa di mira dalla criminalità. Diventa persino superfluo parlare di ennesima intimidazione, atto vandalico, o come lo si voglia chiamare", così Mario Vallone, presidente dell'Anpi Catanzaro, dopo la notizia degli atti intimidatori che sono stati rivolti ai lavoratori e alle lavoratrici della Comunità Progetto Sud a Lamezia Terme che operano nel bene confiscato di Via dei Bizantini.

LEGGI QUI: Lamezia Terme. Intimidazioni alla comunità di don Panizza: squarciate le gomme a quattro dipendenti

Banner

Continua, poi, Vallone: "Sono anni ormai che Don Giacomo Panizza con tutti i collaboratori di una delle realtà solidali più belle della Calabria, e dell’intera Italia, vengono fatte oggetto delle ”attenzioni” della criminalità – mafiosa o meno lo stabiliranno gli inquirenti. Siamo sempre stati vicini a questa Comunità alla quale vogliamo esprimere anche in questa circostanza il nostro affetto e la nostra solidarietà".

Banner

"Al contempo ci auguriamo che una volta per tutte le Istituzioni, a qualsiasi livello, facciano uno sforzo comune per mettere fine a questo scempio che non riguarda solo Lamezia Terme ma tutti noi", ha concluso.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner