Atto intimidatorio. Simmaco: "Gesto grave, ma escludo la tifoseria"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Atto intimidatorio. Simmaco: "Gesto grave, ma escludo la tifoseria"
Gianfranco Simmaco, grande tifoso dell'Us Catanzaro 1929
  22 luglio 2019 13:25

ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

È apparso tranquillo, ma molto amareggiato, Gianfranco Simmaco, grande tifoso dell’Us Catanzaro 1929, dopo il grave atto vandalico subìto la notte di venerdì scorso proprio sotto casa propria, dove ignoti hanno devastato la sua vettura finanche al suo interno (LEGGI LA NOTIZIA). Contattato telefonicamente, il tifosissimo delle aquile, che ha sporto denuncia a carabinieri contro ignoti per accertare le responsabilità del grave gesto intimidatorio, si è dichiarato molto amareggiato “per la cattiveria che ci circonda. Sono più che certo – ha affermato Simmaco, senza alcuna perplessità - che questo brutto episodio non ha nulla a che fare con il mondo del calcio e della tifoseria. E’ più probabile che sia riconducibile alla mia attività lavorativa, che svolgo da molti anni presso un ufficio molto delicato (la Motorizzazione di Catanzaro), o con il mio impegno nel sociale che porto avanti con grande passione. Fa male pensare che ci sia gente così invidiosa capace di arrivare a tanto. Nella mia vita – ha concluso Simmaco - ho svolto sempre con correttezza e umanità il mio lavoro e non mi spiego il perché di un gesto intimidatorio così grave”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner