Autobomba di Limbadi, depositata la sentenza della Corte d'Assise: “Le parti civili mentirono"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autobomba di Limbadi, depositata la sentenza della Corte d'Assise: “Le parti civili mentirono"
L'automobile dopo l'esplosione della bomba a Limbadi

Atti in Procura per procedere per falsa testimonianza nei confronti dei genitori di Matteo Vinci e per il consulente della difesa Mariano Pizianti

  17 giugno 2022 16:40

La Corte d’Assise di Catanzaro ha depositato le motivazioni della sentenza per l’autobomba di Limbadi (Vibo Valentia) costata la vita il 9 aprile 2018 al biologo Matteo Vinci. In 143 pagine, i giudici togati e popolari spiegano il percorso logico-giuridico per arrivare alle condanne all’ergastolo nei confronti di Rosaria Mancuso (sorella dei più noti boss della ‘ndrangheta Giuseppe, Diego e Francesco) e il genero Vito Barbara, ritenuti i mandanti dell’attentato. Ad incastrarli sono state le intercettazioni.

Dieci anni la pena per Domenico Di Grillo, accusato di aver provocato delle lesioni gravi a Francesco Vinci (padre di Matteo Vinci e miracolosamente sopravvissuto all’autobomba) nel corso di una lite. I giudici hanno tuttavia trasmesso gli atti alla Procura di Catanzaro per procedere per falsa testimonianza nei confronti dei coniugi Francesco Vinci e Sara Scarpulla (parti civili e genitori di Matteo Vinci).

Banner

“Il narrato dei coniugi Vinci-Scarpulla risulta ampiamente ed oggettivamente smentito”, scrivono i giudici in sentenza in ordine alla proprietà del terreno conteso con i Di Grillo-Mancuso, alla presenza di una pistola nella lite fra Vinci e Di Grillo, alla consapevolezza da parte della Scarpulla che era stata sua cognata a lasciarle un bastone dinanzi alla sua abitazione e non si trattava, quindi, di una minaccia dei Mancuso-Di Grillo.

Banner

Atti in Procura pure per il consulente della difesa Mariano Pizianti.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner