Autonomia differenziata, il Pd calabrese chiede il referendum sulla legge

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autonomia differenziata, il Pd calabrese chiede il referendum sulla legge

  20 giugno 2024 18:52

"Il malcelato blitz del centrodestra al Parlamento ha tristemente confermato le molteplici ragioni che ci hanno spinto, in questi mesi, a dire un forte No su una riforma altamente divisiva e impopolare come quella dell’autonomia differenziata. Le scene di giubilo consumatesi tra gli scranni della Camera, dove senza pudore qualcuno ha pure sfoggiato una bandiera della Regione Calabria, hanno finito per acuire ancora di più le distanze con le forze di opposizione che hanno duramente contestato, nel metodo e nel merito, lo “spacca Italia”.

Lo scrivono le rappresentazioni locali del Partito Democratico: Giusy Iemma, Vicesindaca e Presidente Assemblea regionale PD, Fabio Celia, Capogruppo PD, Igea Caviano, Consigliera comunale PD e Marina Mongiardo, Assessora PD.

Banner

”Un disegno che ha alimentato inutili conflittualità tra Nord e Sud e che non porterà alcun beneficio visibile per tante Regioni che, al di là dei colori politici, hanno manifestato il loro dissenso contro la “secessione dei ricchi”. Il Partito Democratico ha, fin dall’immediato, sostenuto la necessità di avviare una raccolta firme per indire un referendum e dare la possibilità a tutti gli italiani di esprimere la propria opinione su questa riforma. 

Banner

Di certo, dall’ondata di dichiarazioni e repliche che si sono succedute, è emerso un indice di gradimento non proprio omogeneo all’interno delle diverse voci della maggioranza. Perplessità e contrarietà che risaltano, ancora di più, se guardiamo alla posizione – non scevra da evidenti contraddittorietà - assunta da chi riveste ruoli apicali nel governo regionale e che ha contestato le modalità con cui si è arrivati all’approvazione della legge. Ora non resta che rimettersi agli strumenti costituzionali per dare legittimamente l’ultima parola agli italiani: il Pd calabrese sosterrà con forza questa mobilitazione politica e popolare, per ribaltare l’assurda presa di potere di un centrodestra che considera le riforme come una moneta di scambio”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner