Autonomia differenziata, Palaia: “Ora i leghisti catanzaresi alla corte di Occhiuto?”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autonomia differenziata, Palaia: “Ora i leghisti catanzaresi alla corte di Occhiuto?”

  21 aprile 2024 12:01

“I leghisti catanzaresi, fino a poco tempo fa, rimproverando al sindaco Fiorita di preoccuparsi troppo delle questioni nazionali e di non curarsi di quelle locali, inneggiavano ai benefici dell’autonomia differenziata per il Sud”.

Lo scrive in una nota la consigliera comunale, Daniela Palaia

Banner

“È necessario partire da qui per segnalare come quella assurda posizione di allora oggi sembri sull’orlo di essere strategicamente mitigata in un più moderato «prima i soldi, poi l’autonomia». È questa, infatti, la posizione ufficiale assunta dal leader dei leghisti catanzaresi, il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, con il voto favorevole alla mozione sull’autonomia differenziata voluta da Roberto Occhiuto. Quindi, mentre prosegue a grandi falcate la marcia di Mancuso dalla Lega di Salvini verso Forza Italia di Occhiuto, viene da chiedersi: che faranno adesso i piccoli Alberto da Giussano catanzaresi? Avranno la forza di contraddire Mancuso o sposeranno la linea del loro leader calpestando gli ideali fin qui sostenuti (per mero interesse personale)? Rimarranno nella Lega o ammetteranno di aver sbagliato a tifare per l’autonomia differenziata di Calderoli salendo ora sul carro di Occhiuto? Nel primo caso saranno relegati a comporre la minoranza esigua di una minoranza rarefatta; nel secondo, dovranno (loro e Mancuso) accettare di buon grado di avere un nuovo padrone politico a cui votarsi per avere possibilità di muovere qualche passo, spartendo gli spazi con gli esponenti cittadini di Forza Italia.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner