Autonomia Differenziata, Rosario Mancuso: “Dalle risse in Parlamento si rischia di generare conflitti e divisioni sui territori”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autonomia Differenziata, Rosario Mancuso: “Dalle risse in Parlamento si rischia di generare conflitti e divisioni sui territori”
Rosario Mancuso
  15 giugno 2024 11:31

“La forte accelerazione che sembra riguardare l’iter legislativo sull’autonomia differenziata, ci pone l’obbligo di condividere una riflessione politica seria su una riforma dal cui esito possono derivare risvolti imprevedibili per la Calabria. I dubbi sul merito di questo progetto continuano a rimanere tali anche a pochi passi dalle battute finali, nonostante le preoccupazioni espresse pure di recente dal Presidente della Regione Roberto Occhiuto”. 

E’ quanto si legge in una dichiarazione del consigliere comunale Rosario Mancuso.
 
“Il problema verte tutto attorno alla definizione dei LEP, i livelli essenziali delle prestazioni, e del relativo finanziamento da parte del Governo. Solo con regole chiare e risorse effettivamente disponibili, si potrà dire che l’autonomia differenziata rappresenta una riforma in grado di mettere le regioni tutte sullo stesso piano, senza il rischio di torti a danno della Calabria e del Sud. I dubbi espressi dal governatore Occhiuto non ci fanno stare tranquilli ed è evidente il pericolo che, dalle aule di un Parlamento sempre più rissoso, i conflitti possano poi generare ulteriori divisioni, risentimenti, voragini sociali su ogni territorio. 
Davanti a questo scenario, nessuno può restare impassibile: è il momento di richiamare ogni forza politica alla condivisione e alla responsabilità, all’insegna dei valori costituzionali, perché ci sono di mezzo i valori primari dell’unità e della solidarietà nazionale. La riflessione non si arresti di fronte a quanto sta accadendo in questi giorni: ci si ricomponga, nei toni e nella sostanza, per assicurare ai calabresi e al Meridione ampie garanzie sulla sostenibilità di una riforma che incide sul futuro di tutti e non può essere merce di scambio tra partiti”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner