Autonomia differenziata, una prospettiva critica secondo De Biase (FI Lamezia)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autonomia differenziata, una prospettiva critica secondo De Biase (FI Lamezia)
Salvatore De Biase
  19 giugno 2024 16:27

"Il dibattito sull'autonomia differenziata ha suscitato notevoli preoccupazioni e divisioni all'interno del Parlamento e nel Paese. Questo tema, di fondamentale importanza per il futuro assetto istituzionale e sociale dell’Italia, merita un'approfondita riflessione e un confronto inclusivo. Io la penso come il Presidente Occhiuto. È un errore del centrodestra, per questo FI Calabrese non ha votato il ddl.

Quanto ratificato rappresenta un clima che ha mostrato una norma divisiva in Parlamento e nel Paese.

Banner

Questa norma andava maggiormente approfondita, e per questo comprendo pienamente le ragioni dei deputati calabresi di Forza Italia. Ne apprezzo la determinazione e riconosco all’On. Francesco Cannizzaro, Giuseppe Mangialavori e Giovanni Arruzzolo il valore dimostrato nel decidere di non votare questa legge. È stata una scelta coraggiosa e condivisibile.

Banner

Ricordiamo che un tempo si discuteva persino di abolire le regioni, e oggi invece si dà alle singole regioni la possibilità di chiedere allo Stato la gestione diretta di ben 23 materie e 500 funzioni. Questo significa che:

Banner

I programmi scolastici regionali saranno gestiti dagli assessori; la sanità nazionale sarà sostituita da quella regionale: Avremo insegnanti e medici regionali; gli stipendi saranno definiti a livello regionale; i concorsi fuori regione saranno aboliti; si accentueranno le disuguaglianze tra regioni ricche e povere; i diritti non saranno più uguali per tutti.

Di fronte a queste prospettive, non possiamo che chiederci se questa è davvero la direzione giusta per il nostro Paese.

Le implicazioni di una tale autonomia differenziata sono profonde e complesse. Il rischio di frammentare ulteriormente il nostro tessuto sociale e istituzionale è concreto. È fondamentale che ogni riforma sia concepita con un'ottica inclusiva, che miri a rafforzare l'unità nazionale e a garantire pari opportunità a tutti i cittadini, indipendentemente dalla regione in cui vivono.

In questo contesto, ribadiamo la nostra posizione: l'autonomia differenziata, così come prospettata, non risponde agli interessi della collettività. Continueremo a lavorare per un'Italia più unita e coesa, dove le riforme siano il frutto di un ampio consenso e di un approfondito confronto.

Rivolgo un sincero ringraziamento a tutti coloro che, con senso di responsabilità e spirito critico, si sono opposti a questa norma. Insieme, possiamo costruire un futuro migliore per tutti, senza divisioni e disuguaglianze".

Lo afferma Salvatore De Biase, Coordinatore FI Lamezia.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner