Autonomia, l'appello di Fiorita a Occhiuto e Mancuso: "Siamo in tempo per fermare la catastrofe"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autonomia, l'appello di Fiorita a Occhiuto e Mancuso: "Siamo in tempo per fermare la catastrofe"
Nicola Fiorita
  26 giugno 2024 14:39

Altri sindaci hanno aggiunto in queste ore la firma sull’appello “UnasolaItalia” rivolto al presidente della Regione e al Presidente del Consiglio Regionale perché impugni davanti alla Corte costituzionale la legge Calderoli sull’Autonomia Differenziata.

Si tratta di Luca Lepore - sindaco di Aiello Calabro,  Maria Rita Acciardi, sindaca di Amendolara, Rossana Tassone - sindaca di Brognaturo, Gianni Papasso, sindaco di Cassano allo Ionio, Edoardo Giudiceandrea, sindaco di Calopezzati, Antonio Sciumbata - sindaco di Caraffa di Catanzaro, Umberto Mazza , sindaco di Caloveto, Danilo Staglianò - sindaco di Cardinale, Francesco Durante, sindaco di Castel Silano, Alessandro Tocci - sindaco di Civita, Angelo Catapano - sindaco di Frascineto, Gaetano Tursi - sindaco di Francavilla Marittima, Marco Torchia, sindaco di Miglierina, Federico Umberto, sindaco di Luzzi, Carmine Ferraro - sindaco di Lungro, Paolo Pappaterra - sindaco di Mormanno, Fortunato Giordano - sindaco di Mileto, Francesco Angilletta - sindaco di Mongiana, Luca Gaetano, sindaco di San Ferdinando, Antono Cuglietta, sindaco di Serra D’Aiello, Antonio Muraca, sindaco di Serrastretta,  Domenico Baldino, sindaco di Paludi, Luca Alessandro, sindaco di Polia, Vincenzo Zofrea, sindaco di Squillace, Domenico Penna, sindaco di Roccaforte del Greco, Domenico Stefano Greco - sindaco di Tiriolo, Felice Spingola - sindaco di Verbicaro.

Banner

“Sono certo che il presidente Occhiuto terrà conto della forte spinta che viene dai sindaci – dice Nicola Fiorita, sindaco di Catanzaro, promotore dell’iniziativa – Già così, ad appena 48 ore dal lancio dell’appello, i sindaci firmatari rappresentano ad occhio e croce 800-900 mila cittadini, la metà della  popolazione calabrese. Altri se ne aggiungeranno. I prossimi mesi saranno quelli della chiarezza. Sull’Autonomia Differenziata non ci sarà più spazio per posizioni ambigue: o si è a favore o si è contro. Le posizioni mediane produrranno il nulla e il progetto della Lega di disintegrare il Paese andrà avanti. È vero che la potestà di produrre il ricorso è della Giunta Regionale, ma è altrettanto vero che una volontà espressa dal Consiglio regionale darebbe più forza al ricorso. Siamo ancora in tempo, tutti insieme, per fermare la catastrofe che si abbatterà sulla Calabria”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner