AZ, continua lo sciopero dei trasportatori (VIDEO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images AZ, continua lo sciopero dei trasportatori (VIDEO)
I lavoratori dell'AZ spa in sciopero
  01 agosto 2019 13:47

di PAOLO CRISTOFARO

CARAFFA (CZ) - Prosegue lo sciopero iniziato ieri, presso il centro direzionale dell'AZ S.p.a. a Caraffa di Catanzaro, organizzato da 14 lavoratori impiegati nel settore trasporti dell'azienda. I dipendenti, alcuni al servizio dell'azienda da oltre 20 anni, sono stati esternalizzati. L'intero comparto dei trasporti, stando a quanto ci è stato riferito sia dagli impiegati che dai responsabili sindacali, sarebbe stato ceduto ad un'altra azienda, con sede in Puglia. La procedura, sempre stando al racconto dei trasportatori - fiancheggiati da Armando Labonia della CGIL - sarebbe stata portata avanti unilateralmente.

Banner

Banner

"Non abbiamo firmato alcun contratto con nuove aziende. Ci sono arrivati messaggi sul cellulare con nuovi turni di servizio, ma non conosciamo i mittenti. E' probabile che si tratti dell'azienda alla quale è stato ceduto il ramo trasporti, ma non abbiamo sottoscritto alcun accordo. In teoria se questa nuova azienda avesse già i nostri recapiti, ci sarebbe stata anche una violazione della privacy" ha spiegato uno dei lavoratori in sciopero.  Quello che preoccupa di più i dipendenti AZ, sarebbe proprio la collocazione presso altra azienda, una S.r.l che, stando ai dati raccolti dai dipendenti, vanterebbe un capitale sociale di 1.500 euro, a fronte del grosso capitale e della solidità dell'S.p.a. AZ.

Banner

"Temiamo che questa cessione possa essere un modo di togliersi il carico di 14 stipendi. Ma cosa troveremo nella nuova azienda? Siamo preoccupati di perdere garanzie e stabilità legate al nostro posto di lavoro" commentano alcuni.  Intanto ci informano che un lavoratore, impegnato oltretutto nel sindacato, è stato licenziato ieri. Ci è stato riferito che il licenziamento è stato spiegato con la rottura di due mezzi, entrambi guidati dal suddetto impiegato. Una giustificazione che non convince né Labonia né i colleghi in sciopero che attendo ulteriori spiegazioni. "Ci aspettiamo un confronto con i responsabili dell'azienda. Se non altro, per i tantissimi anni spesi a lavoro per la ditta. Sicuramente non arretreremo di un passo".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner