Badolato, parla il giovane che ha dato l'allarme e salvato il 90enne disperso

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Badolato, parla il giovane che ha dato l'allarme e salvato il 90enne disperso
Antony Condò
  20 luglio 2022 14:41

di FILIPPO COPPOLETTA

Oggi, con tutta probabilità, staremmo raccontando l'ennesimo avvenimento di cronaca che avrebbe lasciato dispiacere e dolore in tanti lettori. Grazie invece alla prontezza e alla perspicacia di un giovane ragazzo, possiamo raccontare una storia a lieto fine per un anziano cittadino di Badolato le cui tracce si erano perse e che, per grande fortuna, è stato ritrovato vivo. 

Banner

Antony Condò, 36 anni, ieri sera si trovava al ristorante a cena quando sarebbe stato avvertito da un parente che il vicino novantenne, un professore in pensione, non sarebbe stato visto rientrare a casa, come sua consuetudine, dopo aver terminato i lavori in campagna. Antony ci racconta di aver trascorso attimi di paura. «Per quanto venissi rassicurato da chi mi diceva che probabilmente il mio anziano vicino era sicuramente rientrato, non riuscivo a prendere pace, sentivo che qualcosa di brutto gli fosse accaduto e che dovevo agire in qualche modo». Il 36enne abbandona la cena e si precipita presso la campagna di proprietà del vicino dove trova la sua auto ma nessuna traccia dell'anziano. Prima di addentrarsi nei terreni lancia subito l'allarme ai Carabinieri che in pochi minuti raggiungo il posto. Antony, insieme ai militari, iniziano allora una disperata ricerca nel buio, armati di torce e continuando a chiamare per nome l'anziano. Un lamento rompe il silenzio della notte. Antony riconosce la voce del vicino di casa e subito avverte i Carabinieri. Il 90enne viene ritrovato accasciato al suolo, completamente disidratato, sporco e sconvolto.

Banner

L'uomo si era recato in campagna la mattina intorno alle 11, poi, forse la perdita dell'equilibrio, forse un mancamento per il caldo, forse un malore, l'anziano cade al suolo e non riesce più ad alzarsi e resta sotto il sole cocente di luglio per ore e ore. Quando lo ritrovano sono passate le 22.30: un vero miracolo che l'uomo sia ancora vivo e cosciente. 

Banner

Lo stesso è stato immediatamente soccorso dal personale sanitario del 118 e ricoverato per i dovuti accertamenti e le cure di cui necessitava. Oggi le sue condizioni di salute sarebbero fortunatamente stabili. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner