Bomba di Limbadi, martedì la sentenza: sarà la prima verità giudiziaria sulla morte di Matteo Vinci

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Bomba di Limbadi, martedì la sentenza: sarà la prima verità giudiziaria sulla morte di Matteo Vinci
L'automobile dopo l'esplosione della bomba a Limbadi
  09 dicembre 2021 22:23

E' fissata per martedì 14 dicembre la sentenza della Corte d'Assise di Catanzaro sulla morte di Matteo Vinci, il biologo di 42enne ucciso con un'autobomba a Limbadi, in provincia di Vibo Valentia. 
 Il 9 novembre scorso il pubblico ministero Andrea Mancuso ha chiesto la condanna all'ergastolo (con isolamento diurno di 18 mesi) per Vito Barbara (31 anni) e Rosaria Mancuso (65 anni), sorella dei boss Giuseppe, Diego, Francesco e Pantaleone Mancuso, mentre 20 anni di reclusione è la richiesta per Domenico Di Grillo e marito della Mancuso, 73 anni e 12 anni per la figlia Lucia Di Grillo.

Oggi hanno discusso gli avvocati Stefania Rania, Giovanni Vecchio, Mario Santambrogio, i quali hanno ricostruito un'argomentazione diversa rispetto a quella dell'accusa e che vede i loro clienti innocenti. Nelle scorse udienza era stato il turno degli avvocati Fabrizio Costarella, Francesco Capria, Gianfranco Giunta. 

Martedì la sentenza della Corte presieduta da Alessandro Bravin. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner