Botti di Capodanno, Vitambiente chiede provvedimenti al sindaco e al prefetto di Catanzaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Botti di Capodanno, Vitambiente chiede provvedimenti al sindaco e al prefetto di Catanzaro
Pietro Marino
  31 dicembre 2019 11:46

Il sottoscritto Avv. Pietro Marino Presidente dell’Associazione ambientalista VitAmbiente con la presente missiva io e tutti gli associati intendiamo portare alla Loro attenzione la problematica, sempre più sentita, in Italia e in Europa, dei fuochi artificiali e delle loro conseguenze negative in termini di salute, pubblica sicurezza ed inquinamento. Ogni anno, nelle ricorrenze religiose e civili, e in modo particolarmente intenso con l'approssimarsi della fine dell'anno, vengono fatti scoppiare migliaia e migliaia di fuochi artificiali con conseguenze a volte anche molto gravi.

Ad oggi più di 1000 comuni italiani - dimostrando buonsenso e rispetto del quieto vivere comune - hanno vietato fuochi pirotecnici e botti. L'opportunità di un tale divieto è evidente: fuochi pirotecnici e botti provocano paura agli animali e alle persone: è risaputo che, avendo un udito molto più sviluppato di quello umano, gli animali siano terrorizzati dai rumori forti. Spesso cani e gatti fuggono dalle abitazioni in preda al panico, rischiando di smarrirsi e vagare per strada esponendosi a incidenti, con conseguenze gravi anche per gli automobilisti. Anche gli animali selvatici, terrorizzati dal rumore, sono indotti a reazioni incontrollate e pericolose e, soprattutto i volatili, rischiano di subire infarti e di  morire per lo spavento.

Banner

Ma rumori così forti possono causare disagi anche agli esseri umani, in particolare ai soggetti più sensibili, quali anziani, cardiopatici e bambini piccoli. I fuochi pirotecnici e i botti provocano infortuni, spesso gravi e mortali: ogni anno si registrano centinaia di incidenti a danno di adulti e bambini causati dallo scoppio di petardi e botti. Spesso si tratta di incidenti che vanno ben oltre la scottatura, comportando perdita di dita, arti, occhi, quando non addirittura il decesso. Provocano anche inquinamento e danni alla salute: il fumo denso che rimane nell'aria anche per ore dopo la deflagrazione dei fuochi artificiali è composto da polveri sottili ed ultrasottili, cancerogene e nocive per la salute, soprattutto delle persone affette da patologie polmonari, malattie respiratorie o intolleranti a sostanze chimiche ad alta volatilità per tali ragioni in qualità di associazione ambientalista chiediamo al sindaco di Catanzaro Sergio Abramo di emanare un : "Ordinanza contro i botti"

Banner

Date queste premesse e considerata la sensibilità dimostrata gli scorsi anni, chiediamo nello specifico al Sindaco Sergio Abramo di emettere in tempo utile, già da domani mattina fino alle 24 di giorno 1, un’ordinanza che vieti l’utilizzo (al di fuori degli spettacoli autorizzati dei professionisti di cui all’art. 4 del D.L. 4 aprile 2010) e la vendita, in forma ambulante e non, di ogni tipo di fuoco d’artificio ascrivibile alle 3 categorie 2 e 3, di cui all’articolo 3 del D.L. 4 aprile 2010, n. 58 e comunque dei cosiddetti “fuochi di libera vendita” o “declassificati” che abbiano effetto, semplice o in combinazione con altri, di scoppio. "Ordinanza contro i botti" nell’ottica di un’ordinanza di questo tipo, la collaborazione della Prefettura è di fondamentale importanza: solo un'adeguata attività di controllo e repressione delle violazioni può far sì che le prescrizioni che il Sindaco vorrà adottare siano pienamente efficaci, a vantaggio della salute e della sicurezza di tutti.

Banner

Ci rendiamo conto che, a prima vista, un’ordinanza simile possa sembrare estremamente restrittiva. Ma sicuramente il Sindaco è il Prefetto tuteleranno la salute pubblica.

Ci auguriamo, dunque, che Loro - Sig. Sindaco e Sig. Prefetto – vogliano impegnarsi per rendere più vivibile e civile la nostra città, operando al fine di garantire che i consueti festeggiamenti di fine anno si svolgano senza che la collettività, gli animali e l'ambiente debbano pagare alcun prezzo. In attesa di un Loro cortese riscontro, ci è gradita l'occasione per porgere gli auguri di fine anno e i nostri più cordiali Saluti”

Presidente nazionale Vitambiente, Pietro Marino

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner