Breast unit Catanzaro. Prenotazioni difficili per Radioterapia: quel telefono che squilla a vuoto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Breast unit Catanzaro. Prenotazioni difficili per Radioterapia: quel telefono che squilla a vuoto

  31 ottobre 2021 19:33

Telefono che squilla invano. A volte è staccato del tutto. Sono sempre più numerose le segnalazioni di pazienti che hanno difficoltà a interagire con la Breast Unit dell’ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, l’unità multidisciplinare che si occupa dei trattamenti a vari livelli delle donne affette da tumore alla mammella. In altre parole, parecchie pazienti hanno difficoltà a prenotare visite e trattamenti. Le difficoltà maggiori si concentrano sulla Radioterapia.

Alla Breast unit è stato dedicato un numero di telefono fisso visibile sul sito web dell’azienda ospedaliera. Tuttavia, per sgravare la crescente mole di richieste e per andare incontro alle istanze di primi appuntamenti o follow up di Radioterapia (nel 2020, stando ai dati ufficiali dell’ultimo bilancio, sono state circa 250 le donne interessate) è stato attivato un altro numero. In questo caso un’utenza mobile. Un ‘servizio’ che dovrebbe essere attivo dalle 8.30 alle 14.30. Dal lunedì al venerdì. Peccato che è praticamente impossibile mettersi in contatto. Dopo alcune segnalazioni degli utenti, anche la redazione ha provato a ‘telefonare’ più volte e in più momenti nella fascia oraria indicata. Senza risultati, non ha mai risposto nessuno. Altri hanno raccontato di esserci riusciti soltanto dopo innumerevoli tentativi e peraltro dopo aver scoperto che il telefono non solo squillava a vuoto ma a volte veniva staccato. I più disperati si sono recati direttamente nel presidio lamentandosi per l’impossibilità di avere un contatto e di aver visto la propria visita rimandata più e più volte durante il corso dell’estate. Che poi questo è il punto centrale, molte delle pazienti si sono ritrovate ad aumentare l’attesa per visite e trattamenti.   

Banner

La Breast unit di Catanzaro, non a caso definito “centro integrato per la cura dei tumori alla mammella”, è senza dubbio un punto di riferimento importantissimo per molte donne e il servizio sanitario regionale ci punta molto. Migliorare l’organizzazione serve a non penalizzare il lavoro fatto e da fare.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner