Calabria in tavola. Evviva San Martino dove ogni mosto diventa vino

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Calabria in tavola. Evviva San Martino dove ogni mosto diventa vino

  11 novembre 2021 10:27

di GIANPIERO TAVERNITI

Si avvicinano le festività natalizie, in giro nei centri commerciali, nei market dei paesini, cominciano a vedersi panettoni e dolciumi classici, ma nei forni a legna e nelle case dei calabresi cominciano a vedersi invece le classiche pitte di S. Martino, dolce che avvia la stagione invernale verso il Natale e verso il primo test al vino , al primo assaggino del vino nuovo, oggi di nicchia definito il vino novello.  Tante usanze, tanti usi e costumi, per questa festa , che viene ricordata in diversi paesi europei, tra cui spiccano Spagna, Francia e in alcune regioni nordiche continentali, di certo nella nostra Calabria, ha un sapore particolare, molto intenso, gusto forte e profumo inebriante che avvolge le cantine, i cosiddetti “catoji”, quelli antichi, dove il pavimento è in pietra e dove il vino non viene solo conservato nelle botti , ma anche nelle giare in terracotta internamente smaltate, catoji dell’entroterra, dei borghi vivi di un tempo, che oggi ricercano la loro identità persa, sbiadita dall’emigrazione di massa del dopoguerra e non solo.

Banner

Banner

Arriva l’undici novembre, arriva” S.Martinu, duva ogni mustu, diventa vinu”, dove la vecchia usanza impone di fare visita e testare l’ultimo prodotto di vendemmia, testare, assaggiare, controllando se la fase della maturazione sia passata e vi sia stata la trasformazione in vino. Un evento umile dei vecchi contadini, si aspetta con ansia, di assaggiare il cosiddetto VINO NOVELLO, le donne per l’occasione preparano pietanze tipiche , dolci, per accompagnare l’assaggio del vino, spiccano come al solito le classicissime ZEPPOLE (zippuli, crespelle fritte) farcite a scelta con filetto di alici, olive nere e negli ultimi periodi con la nduja di Spilinga.Si imbandisce la parte superiore di una botte dismessa che funge da tavolo, arricchito di giardiniere fatte in casa a base di melanzane , una pitta fatta al forno a legna oleata con evo di stagione, peperoncino e cipolla di Tropea, per concludere delle ottime caldarroste e la classica pitta di S.Martino. Qualche giorno prima, se le condizioni meteo ne garantiscono l’operazione, si travasa il vino novello, come gli anziani non si stancavano mai di ricordare e raccomandare nel giorno 11 novembre, di invitare amici, operai che hanno lavorato alla vendemmia, si compie questo rito che, ancora rimane vivo, ma è diminuito nel suo capillare festeggiamento.

Banner

Tra un bicchiere di vino novello, deliziosamente fruttato, da poter paragonare a un succo d’uva, vista la sua assente sofisticazione, assaggiamo qualche zeppola, qualche spicchio di pitta, debitamente condita con olio d’oliva, origano e peperoncino fresco di Calabria, dove completano l’universalità del gusto le preziose giardiniere fatte in casa con melanzane dell’orto sotto casa. Un menù umile, forte e vero, come diventerà il vino novello, maturando e crescendo, con l’auspicio dolce che oggi ci danno le caldarroste ancora calde e le pitte di S.Martino, che per S.Nicola e per l’Immacolata, accompagneranno di nuovo il prodotto dell’ultima vendemmia, frutto delle curatissime e sacre vigne di CALABRIA che di sicuro sarà  vino maturo da tavola, lieto e sicuro compagno delle svariate pietanze di questa ricca cucina calabrese. I ricordi dei nonni, avvicinano le persone a vivere in coesione, dalle piccole cose, nella consapevolezza e nella continuità di produrre nell’espressione del piccolo contadino, un vino; che di sicuro questa terra ci dona, impreziositi dai gioielli di profumo, corposità e qualità, che noi calabresi dovremmo farne tesoro sempre di più il volano economico e D.O.C. ,degli operatori viticoltori di questa ricca e diversa terra di vini, dove la sua mappa, comincia ad essere letta in Europa e nel mondo.

 

SAN MARTINU A san Martinusi l aparinnu i gutti e si prova u vinu. 
Chidi chi bivanu pregamu a notte u ci duna na bella botte.
 Nte catojia cu l amici, frittuli zippuli c l alici. 
Si mangia è si biva facijendu burdijellu, nu brindisi bellu a su vinu novellu. 
Quandu a testa cumincia a girara u vinu novellu si duna da fara. 
A da saluti e su novellu vinu,wiwa,wiwa san Martinu! 

Pina Cuteri
 

Grazie Pina Cuteri di Pazzano, per questa pillola Identitaria culturale che ci hai donato.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner