Caos pontili. La proposta dell'associazione Porto Aperto Catanzaro: "Installarne due o tre nuovi: ecco dove"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Caos pontili. La proposta dell'associazione Porto Aperto Catanzaro: "Installarne due o tre nuovi: ecco dove"
Danilo Terranova, presidente associazione 'Porto Aperto Catanzaro'

Una soluzione al vaglio dell'Amministrazione comunale per aumentare il numero dei posti barca del porto di Catanzaro

  20 giugno 2021 16:26

La stagione estiva è di fatto cominciata, ma ancora l'affaire pontili del Porto di Catanzaro non è stata risolta. L'ordinanza del gip che aveva indicato la via della rimozione dei pontili esistenti (che rimangono sotto sequestro) è stata congelata dal Consiglio di Stato, almeno fino al 1° luglio quando ci sarà la decisione di merito. Questo paralizza almeno uno dei due lotti di pontili esistenti. L'associazione 'Porto Aperto Catanzaro' ha presentato una proposta parallela: installare due o tre pontili aggiuntivi nello specchio d'acqua libero (in una porzione dell'area dove normalmente si svolge il MGFF) per aumentare i posti barca.

Banner

"Una sorta di palliativo in attesa che si sciolga la questione con la sentenza del Consiglio di Stato del primo luglio". È quanto dice Danilo Terranova, presidente 'Asd Porto Aperto' Catanzaro.  "Abbiamo un eccellente rapporto con gli enti locali. Due le problematiche iniziali,  con la Capitaneria e con i pescatori. Il primo è stato risolto, sul secondo posso dire che per noi i pescatori sono una risorsa. Abbiamo parlato di poter mettere tre pontili per non disturbare i pescatori che effettivamente avrebbero problemi di manovra solo 5/6 volte l'anno per le mareggiate. Purtroppo penalizzare e rendere improduttiva un'area per eventi che accadono poche volte l'anno non è giusto. Piuttosto ospiteremo noi i pescatori sui pontili spostando le barche. Non possiamo penalizzare i pescatori ma nemmeno una comunità" aggiunge Terranova. "Il progetto è che la Catanzaro servizi prenda in gestione 3 pontili per i prossimi 2 anni. Purtroppo però non abbiamo una data", conclude il presidente della 'Porto aperto'.

Banner

Banner

 Il vicepresidente della stessa associazione Elia Grasso ha illustrato l'idea. "Ho individuato nel porto una struttura che potrebbe essere un vanto ma che è poco utilizzata.  Ho ideato un progetto proposto all'amministrazione locale e stiamo collaborando con l'ufficio tecnico per tamponare la situazione attuale. Avevo previsto almeno tre pontili per accogliere altre imbarcazioni.  L'utenza del porto è tanta ed i pontili esistenti non sono sufficienti. Certo il porto è un cantiere ma darebbe seguito ai settori della nautica, del diportismo e della pesca sportiva" ha sottolineato Grasso. "Non è nostra intenzione intralciare l'attività dei pescatori. Il mare è di tutti ed i pescatori svolgono un'attività importante e vanno rispettati.  La loro difficoltà è durante le mareggiate, avrebbero in quel caso la necessità di spostare le imbarcazioni dalla zona loro concessa verso il centro del porto. Ma due o tre pontili non darebbero fastidio alle loro imbarcazioni  anzi potrebbero ospitarle" conclude il vicepresidente.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner