Cardiologia, il medico calabrese Vittorio Aspromonte eletto presidente regionale dell'A.I.A.C.

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Cardiologia, il medico calabrese Vittorio Aspromonte eletto presidente regionale dell'A.I.A.C.
Vittorio Aspromonte
  04 luglio 2022 23:05

La sezione calabrese dell’AIAC (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) ha eletto il nuovo presidente. Il delicato e importante ruolo sarà ricoperto dal dott. Vittorio Aspromonte, medico originario di San Giovanni di Gerace, un attraente centro della locride.

L’attività clinica ospedaliera del dott. Aspromonte si svolge presso il reparto di Cardiologia/UTIC, Aritmologia interventistica (Elettrofisiologia e Cardiostimolazione) dell’Ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro.

Banner

L’A.I.A.C. è un organismo scientifico che raggruppa la maggior parte dei cardiologi italiani che si interessano di aritmie e scompenso cardiaco, con l'obiettivo di promuovere e condurre studi e ricerche cliniche particolarmente rivolte al settore dell’ aritmologia clinica ed interventistica.

Banner

Insieme ad Aspromonte  fanno parte del direttivo il dott. Marcello Corsino dell’UOC Cardiologia del PO “Giannettasio” di Rossano ed il Dott. Andrea Madeo dell’UOC Cardiologia/UTIC del PO “Ferrari” di Castrovillari.

Banner

Già consigliere regionale AIAC nel biennio 2018/2020, Aspromonte è stato riconfermato in occasione del Congresso nazionale tenutosi a Bologna. La carica conferita al medico che fa parte dell'equipe di Aritmologia Interventistica dell’Ospedale Pugliese, di cui è responsabile il Dott. Giampiero Maglia, rappresenta un importante riconoscimento sia per l'opera svolta nella sua carriera di medico sia per tutto l’Ospedale catanzarese. Quini da oggi il  Dott. Vittorio Aspromonte è a capo della più grande associazione di Cardiologi aritmologi presente in Italia.

E’ grazie alle numerose iniziative dell’Associazione, che funge da propulsore e volano culturale, che l’aritmologia e l’elettrostimolazione in Calabria hanno raggiunto gli attuali livelli di eccellenza, con possibilità di effettuare interventi che vanno da studi elettrofisiologici, impianti di loop recorder a tecniche più complesse come ablazione transcatetere, impianto di dispositivi cardiaci fino all’utilizzo di avanzate tecnologie per la cura delle aritmie, determinando negli anni la riduzione dell’emigrazione sanitaria per trovare speranze di cure altrove.

L’AIAC è anche impegnata nel campo della formazione continua, all’educazione sanitaria per i cittadini e alle buone pratiche assistenziali, producendo linee guida.

“Sono estremamente soddisfatto - ha dichiarato il neo presidente regionale - ed orgoglioso della carica che mi è stata conferita . Sono consapevole che attraverso la partecipazione alle attività della nostra associazione, noi tutti contribuiremo ad arricchire il nostro bagaglio professionale al servizio del paziente. Mi impegnerò per meritare, unitamente a tutta l’associazione, la fiducis dei cardiologi calabresi”.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner