Carfizzi. Sequestrata un'area con terre di scavo depositate abusivamente

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Carfizzi. Sequestrata un'area con terre di scavo depositate abusivamente
Automobile dei Carabinieri Forestali
  06 maggio 2021 14:18

Un'area di 360 metri quadri all'interno della quale erano stati abbancati abusivamente materiali di scavo è stata sequestrata dai carabinieri forestale nel territorio di proprietà del Comune di Carfizzi che hanno denunciato un imprenditore, presunto responsabile, per reati contro il patrimonio comunale e l'ambiente. I materiali, da quanto è stato riferito, provenivano da uno sbancamento, anch'esso illegale, realizzato di recente.

I militari, nel corso di un controllo del territorio, hanno rilevato lo sbancamento e la gradonatura, effettuata senza autorizzazione, di una pendice, in un'area del centro urbano della cittadina del crotonese. Gli accertamenti avviati hanno consentito successivamente di individuare anche l'area dove sono stati abbandonati i materiali risultanti dall'escavazione illegale.

I materiali di scavo del volume stimato di 650 mc sono stati abbandonati nell'area danneggiando anche la vegetazione esistente e alterando il deflusso superficiale delle acque. L'area, secondo quanto attestato dall'ufficio tecnico comunale, è sottoposta a vincolo idrogeologico e ricade all'interno della Zps (zona di protezione speciale) Marchesato e fiume Neto della rete Natura 2000.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner