Caso Aldo Ferraro, Lebrino (Psi): "Depositata un'interrogazione a firma Nencini per rendere giustizia ad un ragazzo morto sul lavoro"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Caso Aldo Ferraro, Lebrino (Psi): "Depositata un'interrogazione a firma Nencini per rendere giustizia ad un ragazzo morto sul lavoro"
Gian Maria Lebrino, Psi
  07 marzo 2022 12:45

“Le morti sul lavoro sono una vera e propria piaga sociale. In queste ore, per manifestare vicinanza alle famiglie che hanno provato sulla loro pelle il dolore della perdita prematura di un caro, il Psi - attraverso una interrogazione parlamentare Senatore Riccardo Nencini, presidente della commissione cultura del Senato, cui va il mio sentito ringraziamento per la sensibilità che ha dimostrato - si è rivolto al Ministro della Giustizia per fare luce definitivamente sul caso del giovane vibonese Aldo Ferraro, morto tragicamente durante i lavori di scavo per le condotte che servivano a potare l’acqua proveniente dalla diga del Menta nelle case dei reggini”.

E’ quanto ha dichiarato Gian Maria Lebrino, responsabile politiche sociali del Psi e segretario provinciale socialista, riferendosi ad una interrogazione parlamentare firmata da Nencini dove si legge: “il Tribunale penale in primo grado ha disposto cinque condanne ad una provvisionale da corrispondere ai familiari che non è stata versata se non in piccola parte; per quanto riguarda il secondo grado, la Corte di Appello penale di Reggio Calabria, ad oggi non ha ancora fissato l’udienza di discussione;
il procedimento civile di primo grado, caratterizzato da numerosi rinvii, non si è ancora concluso; dopo 12 anni dall'evento luttuoso non si è ancora ottenuta una pronuncia definitiva da parte degli organi giudiziari”.

Banner

Nell’interrogazione si chiede se “il Ministro in indirizzo non ritenga doveroso approfondire i motivi che hanno causato la mancanza di una pronuncia giudiziaria avente ad oggetto un evento accaduto dodici anni prima”.

Banner

Gian Maria Lebrino prosegue nella nota: “Quello di Aldo è uno dei tanti casi che merita giustizia e che vede la famiglia prigioniera delle lungaggini giudiziarie. Intanto esprimiamo vicinanza e affetto alla famiglia del caro Aldo Ferraro nell’auspicio che si possa in tempi celeri arrivare a una soluzione che non restituirà la vita ad un giovane lavoratore ma renderà finalmente giustizia alla memoria di un ragazzo che non meritava di morire così in giovane età".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner