Catanzaro. 18 anni di Magna Graecia Film Festival: presentate le novità. Si parte il 31 luglio (IL PROGRAMMA)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. 18 anni di Magna Graecia Film Festival: presentate le novità. Si parte il 31 luglio (IL PROGRAMMA)
Domenico Iozzo, Marco Polimeni, Gianvito Casadonte, Antonio Capellupo
  20 luglio 2021 14:15

di CLAUDIA FISCILETTI

Il Magna Graecia Film Festival compie 18 anni. La rassegna cinematografica delle opere prime e seconde, che vede alla direzione artistica Gianvito Casadonte, raggiunge la soglia della maggiore età e, per un tale traguardo, la nuova edizione presenterà una serie di novità che sono state comunicate questa mattina, durante la conferenza stampa tenutasi a Palazzo De Nobili.

Banner

Dal festival 5.0, alle anteprima nazionali ed internazionali, all'espansione nei luoghi nevralgici del capoluogo, è lo stesso Casadonte che, in conferenza, pone in evidenza quanto questa rassegna sia riuscita a crescere nel corso degli anni: "Rappresenta un traguardo importante. Abbiamo costruito un festival molto bello e consiglio di viverlo giorno per giorno. Ringrazio la mia squadra e il grande gruppo di lavoro che si è creato". E, sull'obiettivo che l'ha portato ad ideare il festival dice: "Volevo rendere questa regione migliore di come l'abbiamo trovata". 

Banner

Banner

Un'edizione ricca di eventi che si svolgerà tra l'Area Porto di Lido, il Supercinema e il Chiostro del San Giovanni. Spetta al giornalista Antonio Capellupo, curatore della nuova sezione dedicata agli esordi nel documentario e al cinema del reale, illustrare l'intero programma di questa diciottesima edizione che vede un'altra nuova sezione, curata da Silvia Bizio, dedicata ai giovani autori emergenti del panorama mondiale, che proporrà, in particolare, tre anteprime nazionali: dalla Gran Bretagna “Supernova” di Harry Macqueen e “After love” di Aleem Kham e il palestinese “200 metri” di Ameen Nyafeh.

"Catanzaro, oggi, è anche cinema", esordisce Marco Polimeni, Presidente del Consiglio comunale di Catanzaro, che ricorda come ha sempre seguito con interesse la rassegna, ancora prima di entrare nel mondo della politica: "Abbiamo considerato questa manifestazione lodevole e il tempo ci ha dato ragione. E ringrazio per l'impegno Alessandra Lobello, assessore al Turismo e allo spettacolo, il sindaco Sergio Abramo e l'intera Giunta".

Un'edizione 5.0, come già anticipato nei giorni scorsi, che crea sinergia con con l’acceleratore Entopan Innovation ed il system integrator WebGenesys. L’obiettivo è quello di evolvere la propria offerta diventando, sempre di più, una piattaforma aperta all’interno della quale sarà possibile esplorare in maniera integrata la frontiera convergente dei nuovi linguaggi narrativi, visivi e dell’innovazione tecnologica. 

Anche in questa edizione tornano le masterclass che offriranno al pubblico l’occasione di vivere incontri speciali con i grandi del cinema. A Catanzaro arriveranno John Savage, che ha recitato in oltre 300 film e ruoli televisivi, dal debutto ne "Il Cacciatore" di Michael Cimino passando per i leggendari ruoli da protagonista ne "Il Padrino parte III" e nel musical "Hair"; Peter Greenaway, artista d’avanguardia, pittore e regista tra i più eclettici e provocatori del cinema contemporaneo, accompagnato dalla moglie e regista Saskia Boddeke; Remo Girone, veterano del cinema, della tv e del teatro italiano che racconterà la sua carriera lunga quasi cinquant’anni; Marco Risi, regista, sceneggiatore e produttore, il cui nome è legato a successi come “L’ultimo Capodanno” e “Fortapàsc” con il compianto Libero De Rienzo.

La giuria delle opere prime e seconde nazionali sarà composta da Pappi Corsicato (presidente), Marco Bocci, Ivan Carlei, Francesco Ghiaccio, Claudio Noce e Teresa Saponangelo; la giuria della sezione internazionale da John Savage (presidente), Gianluca Guzzo e Caterina Shulha; la giuria dei documentari da Gloria Giorgianni (presidente), Luca Martera e Roberto Orazi.

Tra gli eventi speciali del Festival: Paolo Bonolis sul libro "Perché parlavo da solo" (Rizzoli); il tributo per il centenario dalla nascita di Nino Manfredi con la proiezione di “Per grazia ricevuta”, a cinquant’anni dall'uscita in sala, presentato da Roberta Manfredi; la presentazione di “Mila”, cortometraggio internazionale d’animazione 3D di Cinzia Angelini; l’anteprima nazionale di “Opera prima” di Tayu Vlietstra, allievo di Bertolucci.

Spazio anche ai talenti del territorio con Sguardi di Calabria: si segnalano, tra gli altri, “Il sogno di Jacob” di Luigi Veneziano, “Respirando con la musica – La vita di Vincenzo Scaramuzza” di Maria Pia Cerulo e “Le Rughe” di Maurizio Paparazzo.

Tantissimi gli ospiti che sfileranno sul red carpet catanzarese: tra gli altri Francesco Pannofino, Alessandro Haber, Francesco Montanari, Michela Giraud, Rocio Munoz Morales, Lodo Guenzi, Eleonora Giovanardi, Laura Freddi. A presentare le serate sarà Carolina Di Domenico, affiancata per la finale da Federico Russo. Previste anche le performance musicali, chitarra e voce, di Emit ed Eugenio Cesaro.

Già annunciata la madrina: l'attrice e modella Greta Ferro, che ha esordito al cinema con il thriller “Weekend” di Riccardo Grandi e, quest’anno, è stata sul set del nuovo film di Luca Lucini, “Io e mio fratello”.

Il Magna Graecia Film Festival aderisce anche alla rete dei festival sostenibili e plastic free - per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della tutela dell'ambiente, dei borghi e delle spiagge - sposando la campagna promossa da Agis e Italiafestival.

Le modalità di ingresso: Per accedere agli eventi serali nelle tre location, occorrerà prenotarsi gratuitamente sulla piattaforma liveticket.it. Per le masterclass sarà necessario inviare una e-mail con i propri dati a prenotazioneventi@mgff.it. Chi non seguirà la procedura, potrà accedere agli eventi solo in caso di posti rimasti disponibili. Il pubblico dovrà esibire il green pass o il referto di un tampone molecolare o antigenico effettuato nelle ultime 48 ore.

IL PROGRAMMA:

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner