Catanzaro, a casa aveva un vero e proprio bazar della droga: arrestato studente universitario

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, a casa aveva un vero e proprio bazar della droga: arrestato studente universitario
Foto di archivio di un'automobile dei Carabinieri
  05 gennaio 2022 13:42

 Prosegue senza sosta il contrasto ai reati in materia di stupefacenti nell’area sud del capoluogo regionale da parte dei Carabinieri della Compagnia di Catanzaro.

Questa volta ad essere arrestato in flagranza di reato è un 23enne studente universitario, che, seppur originario di altra provincia calabrese, da alcuni anni viveva a Catanzaro proprio per seguire gli studi.  

Banner

I Carabinieri della Stazione di Catanzaro S. Maria da diverso tempo lo tenevano d’occhio per gli strani movimenti che avevano notato da e per la sua abitazione. Decisi a vederci più chiaro nella serata di ieri i Carabinieri, coadiuvati dai colleghi della Stazione di Tiriolo, hanno proceduto a controllarlo mentre era a bordo della sua autovettura. A causa dell’atteggiamento sospetto  dell’interessato , il controllo è stato esteso all’abitazione mediante una perquisizione domiciliare. Qui i Carabinieri, si sono trovati di fronte ad un vero e proprio bazar della droga con lo stupefacente ben occultato in buste di plastica ritrovate in diverse parti della casa.

Banner

Quasi 1,2 chilogrammi di marijuana, oltre 230 grammi di hashish e 36 grammi di cocaina, tanto è stato rinvenuto assieme a bilancini di precisione e materiale per il confezionamento, elementi che, assieme al quantitativo, hanno rafforzato i sospetti sulla destinazione dello stupefacente non indirizzata all’uso personale quanto ad una attività di spaccio.

Banner

Il soggetto è stato quindi tratto in arresto in flagranza per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e, su disposizione del PM. di turno presso la Procura della Repubblica di Catanzaro, condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

L’arresto è stato poi regolarmente convalidato dal GIP presso il Tribunale di Catanzaro che ha anche confermato la misura cautelare degli arresti domiciliari già inflitta.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner