Catanzaro, Arcuri e Veraldi sollevano dubbi sull'area dell'Archivio di Stato utilizzata come parcheggi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, Arcuri e Veraldi sollevano dubbi sull'area dell'Archivio di Stato utilizzata come parcheggi
Stefano Veraldi e Giorgio Arcuri
  19 ottobre 2022 08:19

"Sfruttare tutte le aree disponibili per ampliare la rete dei parcheggi del capoluogo di regione".

È la mission di “Riformisti Avanti”, la compagine comunale di opposizione che ora punta dritta all’Archivio di Stato come si evince dalla richiesta avanzata al settore Patrimonio di Palazzo de Nobili dai consiglieri Giorgio Arcuri e Stefano Veraldi.

Banner

Sullo sfondo la convinzione che "proprio quell’area possa essere utilizzata a sostegno di un'eventuale isola pedonale». Da qui l’urgenza di capire "chi e in base a quale decisione stia al momento utilizzando quel parcheggio".

Banner

Ecco perché Arcuri e Veraldi vogliono far luce sulla questione attraverso un sopralluogo che è stato già richiesto, ma che non mette comunque in secondo piano altre questioni sulle quali il team di “Riformisti Avanti” appare deciso a ottenere chiarezza. È, ad esempio, il caso della bonifica dei canaloni soprattutto ora che l’intera penisola appare stretta nella morsa dei temporali improvvisi che, proprio a causa di canaloni troppo spesso maltenuti, provocano ingenti danni e a volte anche vittime. Un elenco dei canaloni da bonificare, in effetti, a Catanzaro c’è, ma Arcuri e Veraldi lasciano trapelare il giallo dei "canaloni già bonificati senza che - fanno notare - siano stati neppure inseriti tra le priorità da affrontare a discapito di quelli che restano in attesa nonostante il loro inserimento in agenda".

Banner

Ad accendere i riflettori su una discrasia che Arcuri e Veraldi non intendono lasciar cadere nel vuoto lo spaccato dato dai social, la vetrina virtuale che sta cristallizzando proprio la bonifica di canaloni non previsti dal contratto che fa riferimento ai lavori di ripristino della funzionalità idraulica di canaloni e altre opere che insistono sul territorio comunale. Da Lido a Germaneto, passando per Santa Maria e Janò, sono in tutto 24 gli interventi in programma, ma la realtà racconta un’altra storia ed è per questo che Arcuri e Veraldi parlano di "priorità disattese" richiamando l’amministrazione comunale al "rispetto di criteri già individuati".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner