Catanzaro. Cardamone: “Il riconoscimento nazionale della lingua dei segni rafforza il percorso avviato anche dal Comune”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Cardamone: “Il riconoscimento nazionale della lingua dei segni rafforza il percorso avviato anche dal Comune”
Antonio Mirijello e Ivan Cardamone
  20 maggio 2021 16:43

“Con la pubblicazione in Gazzetta del Decreto Sostegni bis è arrivato finalmente a compimento un lungo percorso mirato ad ottenere il riconoscimento, da parte del Parlamento, della lingua dei segni (LIS)". Così in una dichiarazione dell’assessore alla cultura Ivan Cardamone.

"Una battaglia di civiltà che ha visto in campo, in prima fila, - prosegue Cardamone - l’Ente nazionale sordi con la rappresentanza regionale, presieduta da Antonio Mirijello, e quella provinciale di Catanzaro, guidata da Serafino Mazza, impegnate a tutelare i diritti della comunità sorda. Nel mio percorso di amministratore, sono sempre stato al loro fianco in questa mobilitazione che ho ritenuto giusta, affinché le istituzioni potessero prendere atto della necessità di scongiurare qualsivoglia genere di discriminazione".

Banner

"Il Comune di Catanzaro ha inteso anche promuovere l’utilizzo della LIS con l’introduzione di sportelli informativi, - conclude - all’interno dei contenitori culturali della città, con l’obiettivo di assicurare un equo accesso a tutti i servizi. Il riconoscimento parlamentare rappresenta oggi il coronamento di un cammino comune che, dalla Calabria, ha contribuito a raggiungere l’attenzione nazionale e che potrà proseguire, ancora più rafforzato, su tutto il territorio”. 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner