Catanzaro. Claudia e la fine di un amore "malato": ora il Tribunale dei minori rimanda i figli col padre in Ecuador

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. Claudia e la fine di un amore "malato": ora il Tribunale dei minori rimanda i figli col padre in Ecuador
Violenze
  30 ottobre 2021 17:14

di TERESA ALOI

Le valigie chiuse, riposte ai piedi del letto. Gli occhi pieni di lacrime e il cuore gonfio di dolore. Perché quando ti separano dai tuoi bimbi è così. 

Banner

Lei, Claudia (il nome è di fantasia per tutelare la privacy) è una giovane madre catanzarese. La sua storia è simile a quella di una, due, cento, mille donne. L'amore della tua vita, quel ragazzo conosciuto al mare  che ti fa battere il cuore e sentire le farfalle nello stomaco. Il matrimonio, i figli, la costruzione di una famiglia. Immagini la casa piena di colori, profumi. Di amore e di rispetto. E segui quell'amore anche quando un incarico di lavoro ti porta dall'altro capo del mondo, per poi scoprire che quell'amore è malato.

Banner

E allora giù con botte, insulti, minacce. E poco importa che in casa vivano due bambini che dovrebbero nutrirsi di serenità e cose belle.  Botte, insulti, minacce. Claudia le conosce bene, talmente bene che, alla fine, qualche anno dopo, decide di rientrare a casa. Ma non senza prima avviare una denuncia per maltrattamenti (l'uomo è attualmente sotto indagine di una procura italiana). Con una scusa scappa dall'Ecuador, portandosi via i bambini e torna a casa. A Catanzaro. Dalla sua famiglia, sperando di ridare pace ai bimbi, ma soprattutto a se stessa. Nello stesso tempo lui fa partire un procedimento per sottrazione di minori.

Banner

Nonostante tutto, Claudia non nega le visite ai bambini. Gliele concede quando lui torna in Italia. Ma secondo i giudici lui non può avvicinarsi a lei. La guerra a colpi di carte bollate, documenti, denunce, prosegue tra cavilli burocratici e tutto ciò che rallenta la giustizia.  Non è facile in Italia, figurarsi quando c'è un oceano di mezzo.

Oggi è diventata esecutiva l'ordinanza con cui si dispone che i bambini vadano a vivere dove hanno la residenza. Ovvero in Ecuador. La firma il tribunale dei minori di Catanzaro, per mano del presidente Teresa Chiodo, dove si è incardinato il procedimento per via della denuncia dell'uomo per sottrazione dei minori. 

Le valigie sono pronte. Ai piedi del letto. E Claudia proprio non ce la fa a vedere partire i suoi bambini. Non le restano più lacrime di dolore.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner