Catanzaro, con “Le stelle brillano anche di giorno” gli alunni dell’IC "Mater Domini" celebrano la Giornata dell'autismo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro, con “Le stelle brillano anche di giorno” gli alunni dell’IC "Mater Domini" celebrano la Giornata dell'autismo

Plauso del senatore Francesco Verduci

  02 aprile 2022 14:54

di FRANCESCO IULIANO

Per la giornata mondiale dedicata alla consapevolezza dell’autismo, gli alunni dell’Istituto comprensivo Mater Domini, diretto dalla dirigente Rosetta Falbo, hanno ideato e realizzato il progetto dal titolo  “Le stelle brillano anche di giorno”, è il titolo del progetto ideato e realizzato dagli alunni dell’Istituto comprensivo Mater Domini per la giornata mondiale dedicata alla consapevolezza dell’autismo 

Banner

«Un lavoro - hanno commentato le docenti di sostegno dell’Istituto -  che, attraverso un’attività laboratoriale che ha visto tutti gli alunni dell’Istituto impegnati a riempire di stelle azzurre e gialle il cielo diurno e notturno realizzato per l’occasione, veicola un messaggio culturale di grande effetto e suscettibile di diverse declinazioni. In aggiunta al “cielo stellato”, i ragazzi della scuola secondaria di primo grado, hanno realizzato anche stelle tridimensionali».

Banner

Tra gli scopi della giornata, istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale dell’Onu, soprattutto quello di richiamare l’attenzione sulle persone nello spettro autistico, contribuire a migliorargli la qualità della loro vita ed aiutarli a  condurre un’esistenza soddisfacente.

Banner

«Un messaggio - hanno aggiunto - recepito in pieno dagli studenti dell’Ic Mater Domini con il loro progetto.“Le stelle brillano anche di giorno” , infatti, chiama gli studenti a riflettere, ad avere nuovi occhi per vedere e non semplicemente guardare, a sforzarsi di ricercare sempre la bellezza e la ricchezza in ogni incontro e in ogni situazione, come vedere brillare le stelle di giorno, anche quando non si vedono. È la rappresentazione tangibile del fatto che ognuno ha i propri tempi per brillare, come le stelle che aspettano la notte per esprimere la propria luce.  Avere nuovi occhi per ricercare quella bellezza che avvicina gli esseri umani tutti e rispettando i tempi di ognuno per esprimere le proprie potenzialità». 

Il progetto - ha fatto sapere la dirigente Rosetta Falbo - ha ricevuto il plauso del senatore Francesco Verducci, vicepresidente della commissione Cultura al Senato che, per l’occasione, ha inviato agli studenti un video  con il quale ha valorizzato le diversità indicandole come un grande valore per il Paese.

Al centro del lavoro degli studenti, anche una poesia: “Insegnami a guardare il mondo come te/ tu che spesso sorridi anche senza un perché/ insegnami a guardare, portami con te/ e un poco del tuo mondo, dividilo con me/ che a volte sembra strano o troppo complicato/ ma più che su ogni libro insieme a te ho imparato/ a non fermarmi mai soltanto all’apparenza/ che quello che non vedo non é per forza assenza/ che c’è tanta bellezza ed è tutta intorno a me/ e che se guardo vedo ciò che penso che non c’è/ tu prendimi per mano e insegneremo al mondo/ a veder brillar le stelle anche quando sarà giorno!” 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner